Competizioni sportive, il Ministro dello Sport Spadafora con chiarezza: “Niente sarà più come prima”

Il ministro dello Sport proporrà di prorogare il blocco "Riprendere le partite il 3 maggio è irrealistico. Domani proporrò di prorogare per tutto aprile il blocco delle competizioni sportive di ogni ordine e grado. Ed estenderò le misure agli allenamenti sui quali non eravamo intervenuti perché c'ra la possibilità che si tenessero

Coronavirus e sanità, politica e calcio. Pochesci: “Non sarebbe la fine se si ripartisse da zero”

Lunga chiacchierata col tecnico romano, che tocca tutti i temi caldi del momento tra politica e calcio Ex allenatore di Fondi, Ternana, Casertana e Bisceglie, Sandro Pochesci attualmente svincolato è stato raggiunto telefonicamente dalla redazione di Restodelcalcio.com per una panoramica sulla situazione del paese in piena emergenza Coronavirus, con un focus speciale chiaramente

Ripresa campionati, ministro Spadafora dubbioso su maggio: “Il mondo del calcio si muoverà con cautela”

Il ministro dello Sport ha rivolto un messaggio in questo momento drammatico per il Paese per l'emergenza Coronavirus Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha parlato ai microfoni di Rai3: “A me dispiace dire e annunciarlo proprio qui, ma le ottimistiche previsioni che facevano pensare di potere riprendere a fine aprile o ai primi

Tavolo di lavoro anticrisi presieduto da Gravina: si opera nell’interessa del calcio italiano

Al centro del confronto le richieste urgenti e le proposte a medio termine da presentare al Governo per agevolare provvedimenti legislativi in grado di accelerare lo sviluppo dell’intero settore produttivo calcistico Si è svolta ieri in videoconferenza la riunione del tavolo di lavoro permanente anticrisi Covid-19 convocata dal presidente della FIGC Gabriele

Tommasi apre anche all’idea agosto: “Giocare è quello che tutti vorremo fare”

Il presidente dell'Aic invita a mettere da parte gli interessi personali "Se si potesse tornare ad agosto, sarebbe una notizia positiva": lo ha detto Damiano Tommasi, presidente dell'Assocalciatori intervenendo a Radio anch'io Sport, su Rai Radio1, sull'emergenza coronavirus e lo stop ai campionati di calcio. "Giocare è quello che tutti vorremo fare - ha aggiunto il

Il numero 1 della FIGC Gravina: “Ripresa campionati a maggio? Andrebbe bene anche il 20”

Un chiarimento sulla data della ripresa dei campionati Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha rilasciato un’intervista a Il Giornale in cui ha parlato dell’emergenza Coronavirus e di come si sta comportando il calcio a tal proposito. Ecco alcune delle sue dichiarazioni. “Ne sento di tutti i colori e ai miei interlocutori ripeto un

Tommasi su taglio stipendi e ripartenza del calcio italiano: “Un sogno tornare a giocare in estate”

L'ex mediano romanista dice la sua sulla situazione del calcio in Italia Il presidente dell'AIC, Damiano Tommasi, ha parlato a Radio Rai durante la trasmissione Radio Anch'io Sport: "La Serie A si sta allineando con il Paese, finalmente". Domani riunione in Lega. Si parlerà anche del possibile taglio degli stipendi. Cosa ne pensa?"Credo che anche questo

Gravina e la chiusura della stagione in corso: “Maggio e giugno in campo, se possibile finire…”

Si riuscirà a portare a termine la stagione calcistica 2019/2020? Così il Presidente della Figc Gabriele Gravina, in un’intervista concessa al Corriere dello Sport: “Io mi accontenterei di salvare la salute di tutti gli uomini di sport, anzitutto. Poi ho fiducia di salvare anche i campionati. Abbiamo una dead line. È il 30

Stop ai campionati, impensabile una ripresa a breve giro per Tommasi e Burioni: “Impensabile ad aprile, l’obiettivo è fine maggio se…”

Il messaggio di Tommasi e Burioni Il Presidente dell’AIC Damiano Tommasi interviene nel corso di “Che Tempo che fa” su Rai2 per fare il punto sui campionati di calcio italiani alla luce dell’emergenza coronavirus: “E’ stato complicato fermare il calcio, come è complicato tenere a casa i cittadini. Ci sono zone di Italia dove

Coronavirus, l’appello di Tommasi: “C’è un rischio anche per i calciatori…”

A seguito delle delibere governative rispetto al dilagare dell'epidemia di Covid19, ieri diverse gare dei campionati professionistici sono state disputate a porte chiuse. I dati delle ultime ore però sono allarmanti e la preoccupazione per lo stato di salute degli atleti e di chi lavora accanto a loro, viene prima dell’assillo degli incassi