Football Club Frascati, lunedì scorso una grande festa per il trofeo “Istituto Kennedy”

Frascati (Rm) – E’ stata grande festa allo stadio “Otto Settembre” nel giorno della Liberazione. Per tutta la mattinata del 25 aprile è andato in scena il primo trofeo “Istituto Kennedy”, un quadrangolare che ha messo di fronte le Under 14 provinciali del Football Club Frascati (allenati da mister Rodolfo Gentilini), del San Lorenzo e dell’Atletico Morena oltre al gruppo 2009 (quindi ancora in età Esordienti) della Lupa Frascati. Si sono disputate sei partite da trenta minuti l’una al termine delle quali sono stati assegnati tre punti alla vincitrice, due in caso di pareggio e uno alla sconfitta. Per la cronaca a vincere è stata proprio l’Under 14 del Football Club Frascati, ma l’organizzazione ha programmato coppe uguali per tutte le partecipanti perché lo spirito era quello di far stare insieme i ragazzi all’insegna di un evento sportivo e al tempo stesso ringraziare un partner commerciale “storico” del club tuscolano come l’istituto “Kennedy”. In rappresentanza della scuola di Frascati era presente la responsabile Nicoletta Silo: “Il nostro istituto ha da sempre investito molto nell’indirizzo sportivo, fin da subito si è cercato di trovare il giusto equilibrio tra l’impegno scolastico e quello sportivo. Da un lato, la scuola deve formare e guidare lo studente lungo un percorso ben strutturato che non deve essere però fatto di rinunce, anzi deve motivare e rendere il ragazzo sicuro di sé e delle sue potenzialità. Dall’altro lo sport oggi non ha ancora trovato il giusto riconoscimento nelle scuole italiane, mentre nella nostra si cerca di valorizzarlo, prima di tutto consentendo allo studente di avere una giusta cultura ed educazione e mai rinunciando ai propri sogni, poi accompagnandolo in un percorso fino a raggiungere quella indipendenza che gli consentirà di affacciarsi nel mondo in maniera più autonoma ed indipendente – sottolinea la Silo – Tanta è l’importanza che la nostra scuola attribuisce allo sport, in piena corrispondenza anche di quelle che sono le direttive comunitarie: non ne facciamo solo un dovere scolastico, ma cerchiamo di promuovere tutte quelle iniziative che sono volte ad accrescere i valori alla base dello sport come il fair play, l’uguaglianza e l’amicizia. E lo facciamo cercando di contribuire alla sua promozione come in occasione del 25 aprile, in cui ha avuto luogo un torneo amichevole tra squadre del territorio. Da anni la collaborazione con alcune società calcistiche della zona sta portando ad avere risultati importanti per i giovani che vedono lo sport, in questo caso nel calcio, un impegno importante che consente loro non solo di impegnare il proprio tempo con ciò che maggiormente amano, ma anche per divertirsi nel modo giusto, ossia rispettando regole e valori da cui non si può prescindere né nello sport né all’interno della società” conclude la Silo.

Lascia un commento