Atletico Roma VI (calcio, Under 15), Calizza e la vetta: “Non me l’aspettavo, ma ora ci crediamo”

Roma – E’ un inizio di stagione strepitoso per l’Atletico Roma VI. Il piccolo “miracolo calcistico” messo in piedi nel giro di pochi mesi dalla neonata società del presidente Luigi Paoletti, del suo vice Pietro Buccella e di tutto lo staff dirigenziale e tecnica ha determinato un risultato incredibile: delle 17 gare ufficiali sostenute dalle tre squadre dell’agonistica del team capitolino, 16 sono terminate con una vittoria. L’Under 15 provinciale, ad esempio, è una delle due squadre ancora a “percorso netto” e nell’ultimo turno l’ha spuntata a cinque minuti dalla fine nel match interno con l’Atletico Capannelle, grazie al colpo di testa vincente di Sanavio e alle precedenti parate di Federico Calizza: “Alla fine il nostro è un successo meritato, anche se non abbiamo giocato bene come in altre occasioni – dice l’estremo difensore classe 2007 – Il merito è anche degli avversari che sicuramente hanno dimostrato di essere una squadra forte. La parata più difficile? L’ho fatta nel secondo tempo, in occasione di un “uno contro uno” con un attaccante ospite: ho scelto di “uscirgli addosso” accorciando lo spazio ed è andata bene. Le mie buone prestazioni? Sono merito pure del lavoro fatto col preparatore Michele Albergo che ho conosciuto quest’anno e con cui mi trovo molto bene. Ma lo stesso vale anche per ciò che concerne mister Gianluca Lancia, che invece conosco da tre anni, e il resto dei miei compagni”. Il primato dell’Under 15 provinciale dell’Atletico Roma VI, condiviso con i Canadesi, lo ha abbastanza sorpreso: “In pre-campionato avevamo avuto parecchie difficoltà, ma da quando sono iniziate le gare ufficiali stiamo andando molto bene e ora che siamo lassù ci crediamo”. Nel prossimo turno c’è lo scivoloso match interno con l’Almas, ultimo con un punto: “Sulla carta non è una gara pericolosa, ma se non scendiamo in campo con la giusta concentrazione rischiamo grosso” dice Calizza che poi parla del suo lungo percorso calcistico: “Ho cominciato nove anni fa e l’anno successivo ho scelto di mettermi tra i pali, ma non c’è stato un motivo preciso. Comunque poi non ho più cambiato: amo questo ruolo e il mio idolo è Neuer”.
A completare l’ennesimo en-plein stagionale sono arrivati i successi dell’Under 17 che ha violato il campo della Virtus Roma per 2-1 (in gol Tirocchi e Brunotti, entrambi su rigore) nonostante l’espulsione a metà primo tempo di Tirocchi e l’altro successo esterno dell’Under 16 che ha battuto 3-1 l’Aniene (in gol Colasanti, Paoletti e Nuccitelli su rigore) in rimonta nel pantano dello “Stella Mattutina”.

Lascia un commento