ULN Consalvo (calcio), Bartoli e i Piccoli Amici 2015-16: “Uniamo il divertimento alla crescita”

Roma – Sono il “cuore” del settore di base dell’ULN Consalvo. Luciano Bartoli ha la grande responsabilità di far muovere i primi passi nel mondo del calcio ai Piccoli Amici 2015-16, ovvero il primo gruppo della Scuola calcio del club capitolino. Non è un caso che la società, ormai da tempo, si sia affidata ad un tecnico esperto come Bartoli per questo tipo di gruppi: “Ormai collaboro con l’ULN Consalvo da una decina d’anni sia per la Scuola calcio che per il centro estivo che pure quest’anno ha avuto un bel successo puntando sulla qualità del servizio. Tra l’altro la funzione del centro estivo è duplice: i partecipanti che non conoscono l’ambiente del gioco del calcio si appassionano allo sport e in particolare alla nostra disciplina, ma vale anche il contrario e cioè che chi fa calcio all’ULN Consalvo si “fidelizza” e rimane a fare attività anche in estate”. Bartoli parla in modo più specifico dei “cuccioli di calciatore” del 2015-16: “Anche quest’anno abbiamo formato un bel gruppo a livello numerico. L’obiettivo principale è unire il divertimento alla loro crescita e fissare alcuni obiettivi tecnici e motori. Quelli che già erano nel gruppo l’anno scorso sono rimasti e si sono aggiunti altri bambini: non tutti sono allo stesso livello e quindi mi avvalgo della presenza del mio collaboratore Lorenzo del Bono proprio per far fare un lavoro più consono a tutti perché è normale che qualcuno sia più pronto e qualcuno un po’ più indietro. Per ora procediamo con due allenamenti a settimana, poi in primavera faremo anche alcune partitine, sempre nell’ottica di far divertire questi bambini”. Professionista dell’attività motoria, Bartoli si è anche specializzato nel calcio a 5 nel corso della sua carriera: “La base del futsal è molto utile anche nel calcio. In generale curiamo molto l’aspetto motorio, i fondamentali, la tecnica di base e facciamo tanti “uno contro uno” perché li ritengo davvero importanti. L’ambiente è molto tranquillo e alcune famiglie ormai ci conoscono benissimo”.

Lascia un commento