Uln Consalvo (calcio), Garzina e l’Under 14: “Anno di crescita, ragioniamo partita dopo partita”

Roma – Sarà Fabio Garzina il tecnico dell’Under 14 provinciale dell’ULN Consalvo. Il club capitolino ha affidato all’esperto allenatore questo gruppo che sarà al primo anno nel settore agonistico: “Li ho presi nel finale della scorsa stagione per cominciare a conoscerci – dice Garzina – Ho notato subito che ci sono tanti bravi ragazzi che si impegnano a fondo nel corso della settimana. Domenica abbiamo disputato una partita “in famiglia” che mi ha molto soddisfatto per lo spirito che hanno messo in mostra questi ragazzi e lo stesso ha notato anche il responsabile del settore agonistico Paolo Schiavi. La prossima amichevole sarà sabato ancora in casa contro la Boreale”. Garzina spiega quale tipo di filosofia porta avanti col suo gruppo: “Il risultato è importante, ma dev’essere l’obiettivo finale dopo aver costruito qualcosa di buono: a mio parere questo è il giusto concetto di sport da trasmettere ai ragazzi. Si vede che hanno perso quasi due anni di gare “vere”: i 2008 del nostro gruppo hanno fatto solo qualche mese giocando a 9, mentre è ancor più tosto l’impatto col campo grande dei 2009 che fanno parte dell’organico, ma piano piano tutti faranno abitudine alle nuove dimensioni, d’altronde siamo tutti nella stessa barca in questa categoria. Con tre o quattro elementi in più si potrebbe fare anche un gruppo “puro” di soli 2008 e lasciare i 2009 a fare un altro prezioso anno di pre-agonistica: abbiamo informato i genitori di questa possibilità, anche se poi ci sarebbe comunque la possibilità di far fare a qualcuno l’esperienza coi più grandi. Il numero giusto per la rosa della mia squadra è di 20-21 elementi, in modo tale da dare spazio a tutti”. La chiusura di Garzina è sugli obiettivi del suo gruppo: “Abbiamo iniziato lo scorso 6 settembre, ma nei primi giorni il gruppo era ancora numericamente ridotto. La cosa chi mi piace di più di questi ragazzi è che arrivano al campo contenti e se ne vanno felici. In questa stagione devono solo pensare a crescere e a formare il giusto spirito di squadra, in modo tale che l’anno prossimo si possa fare un ulteriore salto di qualità”.

Lascia un commento