Cynthialbalonga (calcio, serie D), il “prof” Taraborelli: “I ragazzi si sono sempre allenati bene”

Genzano (Rm) – La Cynthialbalonga “punta” il ritorno al calcio giocato. Se non ci saranno (sgradite) controindicazioni in extremis, la squadra azzurra tornerà in campo domenica per il recupero del match esterno con gli abruzzesi del Real Giulianova, in programma inizialmente l’8 novembre scorso e rinviato per un caso di positività al Covid capitato agli avversari. Per i ragazzi del presidente Bruno Camerini (come anche per gli avversari) ci sarà l’incognita di essersi fermati da diverse settimane e in maniera inconsueta nel mese di ottobre (l’ultima gara risale a un mese fa in occasione della vittoria interna col Montegiorgio). “Ma i ragazzi si sono sempre allenati con grande professionalità – dice il preparatore atletico Mauro Taraborelli – I grandi mi hanno sorpreso per la capacità di adattarsi ai nostri metodi di lavoro dimostrando grande disponibilità, mentre i giovani già conoscevano questi sistemi visto che quasi tutti erano con noi la passata stagione. In ogni caso non abbiamo registrato grandi problemi a livello fisico, fatta eccezione per un problema capitato contro il Montegiorgio ad Oggiano che è già rientrato in gruppo. E’ chiaro che questa incertezza non aiuta il lavoro atletico e quindi abbiamo dovuto adeguarci”. Taraborelli spiega come la Cynthialbalonga ha affrontato le ultime settimane, tra la sospensione del campionato “regolare” e la calendarizzazione dei rinvii. “Abbiamo deciso di allenarci per le prime due sedute in maniera normale, poi nella seconda metà della settimana abbiamo rimodulato l’allenamento dopo la decisione ufficiale della cancellazione del match. In ogni caso abbiamo tenuto sempre alti i ritmi delle sedute, utilizzando sempre il pallone nelle varie esercitazioni. Il problema principale, ancor prima della parte atletica, riguarda l’aspetto mentale: non è facile rimanere sempre “sul pezzo” e farsi trovare pronti all’appuntamento con la gara ufficiale, ma siamo convinti che i nostri ragazzi abbiano fatto un ottimo lavoro in questo periodo”. Anche Taraborelli concorda sulla tesi portata avanti da molti addetti ai lavori: “Per concludere questo campionato è inevitabile cambiare l’attuale protocollo, altrimenti è praticamente impossibile evitare i rinvii che ci sono stati in queste prime giornate”.

Lascia un commento