La Polisportiva Borghesiana va incontro alle famiglie: Scuola calcio a prezzi molto scontati

Roma – Un’iniziativa lodevole, in un periodo estremamente delicato a livello economico. La Polisportiva Borghesiana del presidente Enrico Gagliarducci ha messo in campo un’idea che può davvero cogliere nel segno: il club capitolino, infatti, ha letteralmente abbattuto i costi di iscrizione della nuova Scuola calcio. A spiegare i dettagli è il vice-presidente Valerio Arcangeli: “Abbiamo deciso di venire incontro a tutte le famiglie dei piccoli atleti che erano con noi nella passata stagione: il costo di iscrizione per tutto l’anno sarà appena di 200 euro, ben 150 in meno rispetto alla passata annata. Inoltre per i vecchi iscritti non ci sarà nemmeno l’obbligo di riacquistare il kit di abbigliamento sportivo per questa stagione (anche quello del valore 150 euro, ndr) e quindi il risparmio per le famiglie sarà notevole. Abbiamo optato per questa strada piuttosto che praticare quella dei “voucher” per recuperare i tre mesi di stagione cancellati che non avrebbero avuto lo stesso “impatto” sui costi. Non solo: il settore calcio della Polisportiva Borghesiana offrirà le medesime condizioni sul costo di iscrizione (200 euro, ndr) anche ai nuovi tesserati che però dovranno inevitabilmente aggiungere l’acquisto del nostro kit societario di abbigliamento sportivo (150 euro, ndr). Insomma crediamo di aver fatto il massimo di quello che era nelle nostre possibilità”. Il club del presidente Gagliarducci, inoltre, si è già messo in regola con tutte le disposizioni anti-Covid: “La società ha fatto notevoli sforzi in queste settimane per comprare un macchinario adatto e sanificare quotidianamente tutti gli ambienti del centro sportivo “Maurizio Brasili” – specifica ancora Arcangeli – Inoltre abbiamo fatto alcuni interventi di sistemazione degli spogliatoi per accogliere i nostri ragazzi nel miglior modo possibile. Quando? Già a inizio settembre, se le autorità governative e sportive ci daranno il via libera”. Tra gli obiettivi già fissati per il settore di base ce n’è uno in particolare: “Vogliamo fare la domanda per diventare Scuola calcio d’Elite e quindi cercheremo di adempiere a tutti i requisiti richiesti, a partire dalla presenza di soli allenatori qualificati. Inoltre avremo anche tre categorie regionali nell’agonistica: vogliamo fare un bel lavoro coi nostri giovani” conclude Arcangeli.

Lascia un commento