Il perfezionismo di Colò: “Terracina, che piazza… Sfumata la vittoria di un torneo alla portata”

Il difensore della formazione di Gerli dice la sua e si proietta alla prossima stagione

Adesso che è arrivata l’ufficialità della conclusione della stagione in casa Terracina si può iniziare a porre i presupposti per quello che sarà, molto probabilmente Eccellenza. Bisognerà però ancora attendere i verdetti.

Intanto ecco i pensieri dell’eclettico difensore ex Arce e Morolo, Gianluca Colò:

È ufficiale, come prevedibile e anche se è doloroso, il campionato è finito. Per la prima volta dopo una stagione non so esattamente cosa dire se non che sono arrivato furioso per non essere riuscito a conquistarmi la fiducia nella squadra da cui provenivo e che finisco la stagione ancora più furioso perché vedo sfumare per il secondo anno consecutivo la vittoria di un campionato alla portata, a prescindere dalle circostanze. Questa non è una recriminazione ma la conferma che devo continuare a lavorare il triplo su tutti i livelli senza pensare a quello che sarebbe potuto essere perché i successi non si costruiscono con le ipotesi ma solo ed esclusivamente lavorando sul dettaglio mentale, tecnico e fisico.

Detto questo spero di trovare ogni stagione le condizioni trovate a Terracina quest’anno: un gruppo di ragazzi fantastici, una società all’altezza e uno staff di valore assoluto, ma soprattutto gente mossa da passione che segue la squadra e si interessa del calciatore a 360 gradi, curando dettagli che in queste categorie molte società neanche valutano. Per il resto non devo neanche spiegare cosa vuol dire giocare in una piazza e una città del genere”.

Lascia un commento