Unipomezia, mister Bolzan fatica a parlare di calcio: “C’è tristezza, problema stipendi non solo in Serie A…”

Il tecnico dell’Unipomezia analizza l’ultimo periodo a livello umano e sportivo. In ottica futura ci sono tantissimi dubbi

Il campionato dell’Unipomezia si è fermato al primo marzo, data dell’ultima prestazione dei rossoblù in casa dell’Aranova. Dalla settimana successiva è arrivata la sospensione di tutte le attività sportive causa Covid-19 ed anche la squadra di Bolzan si è dovuta attenere ai decreti per il contenimento del virus. Il campo manca ormai da quasi due mesi e ancora non si sa se la stagione potrà riprendere o se sarà definitivamente terminata.

Mister Dario Bolzan descrive così l’ultimo periodo. “A livello umano, insieme alla mia famiglia, abbiamo cercato di agire responsabilmente, rispettando perciò tutte le disposizioni che sono arrivate dal Governo. È importante che tutti lo facciano rimanendo a casa, abbiamo a che fare con una situazione molto seria. C’è ovviamente tanta tristezza per le vittime e per la condizione che si è creata soprattutto al nord Italia. Fortunatamente noi stiamo bene. Anche a livello sportivo dispiace aver interrotto la stagione, eravamo comunque in ripresa e sono sicuro che avremmo disputato una grande volata finale. Ad inizio quarantena con il preparatore avevamo dato delle schede ai ragazzi da seguire autonomamente, che poi sono variate man mano che si è prolungato lo stop. Con loro ci sentiamo telefonicamente e per messaggi, ci tengo molto a sapere come sta il gruppo.

Adesso è difficile parlare di calcio e non sappiamo ancora come andrà a finire. Sta agli organi competenti decidere il futuro della stagione nelle sedi opportune. Quello che percepisco è una situazione comunque non buona con tanti calciatori che anche nei Dilettanti vivono con i guadagni del calcio. Quello degli stipendi non è un problema soltanto della Serie A ma riguarda anche molte famiglie che vivono un calcio minore. Il mio augurio è quello che tutto possa tornare presto alla normalità e che potremmo rivederci quanto prima sui campi”.

Ufficio Stampa Unipomezia

Foto – Alessio De Luca

Lascia un commento