Emergenza Coronavirus, il virologo Palù: “Le decisioni sulla ‘fase due’ spettano al Governo”

Parla il virologo dell’Università di Padova

L’Italia nell’emergenza da Coronavirus. E poi quei numeri impressionanti della Lombardia, per numero di contagi e di morti. Cosa sta succedendo in quella regione? Come contenere il contagio al centrosud? E quando gli italiani potranno vedere la fine di questo dramma nazionale?

Prof. Giorgio Palù (Virologo – Università di Padova) a CentroSuonoSport:

“La diffusione dell’epidemia non è omogenea sul territorio nazionale perciò in alcune regioni la decrescita è inferiore rispetto ad altre, ma i dati sono indubbiamente positivi. Le decisioni sulla “fase due” spettano al Governo, l’importante è che ci siano dei criteri chiari e validi per tutto il territorio.

I test sierologici servono per misurare la presenza di anticorpi specifici nel sangue, dal momento che ci troviamo di fronte ad un virus nuovo avere questo tipo di anticorpi significherebbe essere entrati in contatto con esso. Esistono test sierologici rapidi ed altri molto più specifici i cui risultati potrebbero essere utilizzati con funzione predittiva. Più sarà chiara la diffusione dell’infezione nel Paese più si potranno stabilire criteri appropriati per la “fase due”, sarà fondamentale un approccio il più possibile uniforme sul territorio”.

Lascia un commento