Sant’Angelo Romano, senti Trenta: “Eravamo pronti alla reazione negli scontri diretti, ma…”

L’attaccante esterno dei giallorossi parla durante lo stop del campionato

Mattia Trenta fa sentire la sua voce in questo momento delicato. L’esterno tutto mancino, che quest’anno sta difendendo i colori sociali del Sant’Angelo Romano, dopo una stagione d’inattività, si dice molto preoccupato circa la situazione pandemica che si è creata.

Le parole del funambolo ex Poli e Vicovaro nel dettaglio, raccontate in esclusiva alla redazione di Lazioingol.it:

“La situazione è stata sottovalutata all’inizio, sinceramente anch’io non avrei mai immaginato potesse arrivare a questi livelli. Ora è importante rispettare le regole, nonostante il fattore noia tra le mura domestiche si è veramente impennato!”.

Sarà quasi impossibile portare a termine il campionato, intendo le 9 partite restanti e la post-season. Arriveremmo a luglio ed agosto e non credo possa essere fattibile. Probabilmente la soluzione ideale sarebbe subito adottare play-off e play-out, forse l’unico modo opportuno per dare un senso alla stagione fin qui disputatata.

Personalmente mi sento di aver dato molto alla causa Sant’Angelo Romano, nonostante i mesi passati ai box per infortunio. Globalmente abbiamo disputatato un’annata pressoché perfetta, fatta eccezione per l’ultimo mese agonistico che abbiamo pagato a caro prezzo alcuni infortuni ed una brillantezza perduta. Eravamo pronti alla reazione, ma purtroppo non ci è stato concesso il tempo di giocarci a viso aperto degli scontri diretti importanti”.

Lascia un commento