Viterbese, l’appello accorato del dg Foresti: “Vinceremo questa durissima guerra”

Fermi da giorni e chissà ancora per quanto: non filtra ottimismo da Viterbosulla possibile ripresa dell’attività ufficiale

Diego Foresti, direttore generale della Viterbese, in questi giorni a Bergamo, nella sua città di origine, dalla sua famiglia, ha lanciato un accorato appello a tutta la città di Viterbo:

Buongiorno a tutti i Viterbesi. Mi sento in dovere, visto che vivo questa durissima battaglia nella città più colpita da morti assurde, di mettervi in guardia e di indurvi per l’ennesima volta ad ascoltare e applicare quanto già detto dal sindaco Arena. Non scherzate, non è un gioco. State a casa, lo ripeto: state a casa! Qui la gente muore ogni minuto. Ci sono chiese trasformate in camere mortuarie colme di bare, ci sono corpi su corpi negli ospedali. Ho perso amici e conoscenti, non ultimo il mio vicino di casa. Avete avuto una grandissima fortuna: essere stati avvisati in tempo per stare a casa, in quarantena, prima che questo maledetto virus arrivasse nella vostra città. Non bruciatevi questa grandissima possibilità. Che sono alla fine quindici o venti giorni della nostra vita chiusi in casa pur di salvare la stessa? Ve lo ripeto: state in casa, la vita è preziosa.

Quando tutto sarà finito, perché tanto finirà e vinceremo questa durissima guerra, ci ritroveremo tutti a festeggiare, magari anche grazie a qualche vittoria della nostra amata Viterbese. Fino a pochi giorni fa ero a Viterbo e credetemi che a differenza di qua siete ancora in un’isola felice, cercate di mantenerla tale. Concludo dicendo che mi sento viterbese a tutti gli effetti e spero che anche voi per qualche giorno vi possiate sentire bergamaschi, in modo da vivere questa assurda realtà tutti uniti e vincenti. Vi voglio bene, un grande abbraccio. Grazie. State a casa!”.

Lascia un commento