Di Pasquale colpisce: il Villa Adriana gela la Semprevisa. Ma i carpinetani si lamentano…

Sconfitta esterna contro il Villa Adriana per la Visa che gioca un primo tempo attento e intenso ma che avrebbe potuto gestire meglio alcune situazioni

VILLA ADRIANA-SEMPREVISA 1-0

VILLA ADRIANA: Bruschi, De Vinentis (10’st Di Croce), Polito, Fraschetti, Turco, Visconti, Sinceri, Trecca, Di Pasquale, Falzerano (30’st Carrarini), Libertini A disp. Serafini, Maiorani, D Angelo, Di Croce, Amadei, Corsetti, Carrarini, Urbani, Vischi All. Porcari

SEMPREVISA: Gavvillucci, Shytaj (1’st Macali R., 12’st Macali S.), Zeppieri, Palombi, Corvo, Terenzi, Battisti (1’st Macali L.), Cacciotti N., Ferrari, Coluzzi, Galanti A disp. Palombi F., Macali S., Macali R., Raponi, Macali L., Lepre, Santucci, Riccioni, Biasiotti All. Centra

MARCATORI: 45’Di Pasquale

Note: espulso Cacciotti N. al 42’st

Secondo tempo molto spezzettato e condotto con furbizia dai ragazzi di Porcari che però non creano grandi occasioni.
Prima sortita offensiva targata Semprevisa a tre minuti dallo start: Battisti per Coluzzi che in posizione defilata va alla conclusione, spedita alta.
È la corsia di sinistra l’arma che fa la differenza nei tiburtini ed in particolare è Sinceri la spina nel fianco il quale va al primo tiro al 10′: conclusione finita centrale.
Stesso risultato il minuto che segue ma stavolta nell’altra area: Coluzzi viene stoppato, Cacciotti N. ha la palla del destro, centrale e senza nessuna conseguenza.
Balla la linea difensiva locale al 23′ sullo stacchetto di Ferrari che nei pressi della linea di fondo impegna Bruschi scaldandogli i guanti.
Prima la botta, poi la risposta: filtrante di Sinceri alla ricerca di Libertini, Gavillucci in uscita cancella la chance anche nel secondo successivo quando si oppone ad un tiro ravvicinato.
Sinceri e Ferrari ancora sugli scudi, la porta non è centrata come al 40′ quando il giro di Libertini imprime al pallone solo velocità senza precisione.
È all’ultimo soffio che però il Villa Adriana fa voce grossa grazie al cross dalla sinistra autografato Libertini e raccolto da Di Pasquale. La conclusione buca Gavilucci che viene colpito nel segno.
Alla riapertura della contesa la Visa tenta di pareggiare.
Al 47′ Cacciotti imbecca Coluzzi, tiro col sinistro che passa a centimetri dal palo.
Ci prova anche Corvo con la testa poco più tardi, servito dall’angolo di Coluzzi, niente di fatto ma per poco.
Gioco assolutamente spezzettato, cambi e falli rallentano azioni ed intensità mentre la partita sfila via a sprazzi.
Salgono in cattedra le individualità e le azioni personali la fanno da padrone.
Sinceri e Libertini cercano la porta ma lo specchio non è bersaglio delle conclusioni.
Bella la punizione di un indiavolato Sinceri al 65′ che Gavillucci tocca con la punta dei polpastrelli.
Proteste per un tocco di mano in area Villa Adriana non ravvisato dall’arbitro.
La squadra di Centra si fa vedere in maniera pesante al 68′: tiro forte di Galanti e Bruschi a pulire l’incrocio.
Ultima chance a sorpresa al 92′ col traversone di Galanti ed il piccolo ritardo di Ferrari sul secondo palo.

Brutto atteggiamento da parte del Villa Adriana sin dai primi secondi che non può far parte dei campi di calcio.
Ospitalità zero dall’inizio da parte dei tiburtini che hanno lasciato la Visa fuori dal cancello appena arrivata e che non si sono degnati neanche di un saluto.
Da colpevolizzare l’atteggiamento dello pseudo mister Porcari che ha aizzato i toni con atteggiamenti bruttissimi prima, durante e dopo la partita nei confronti dei giocatori e dirigenti della Visa.
Da sottolineare anche l’arbitraggio con il direttore di gara che non è riuscito a gestire alcuni momenti.
Alla fine i dirigenti della Visa sono stati costretti a chiamare la polizia per gestire i facinorosi ed abbandonare in tranquillità l’impianto senza gravi conseguenze.
L’arbitro stesso è stato costretto ad aspettare le forze dell’ordine per non incorrere in spiacevoli episodi.
Per non parlare dei palloni buttati in mezzo al rettangolo di gioco da parte dei locali!
Qualcosa che non può far parte di questo mondo e che va in tutti i modi combattuta.

Area Comunicazione Semprevisa

Lascia un commento