Vis Sezze, Battistini già si sente a casa: “Non siamo secondi a nessuno”

CON IL CUORE E CON LA GRINTA: I ROSSOBLU PRESENTANO BATTISTINI 

La Vis Sezze accoglie un nuovo leone: Gianfranco Battistini, originario di Anzio, classe ’89, è un centrocampista centrale o una mezz’ala, in grado di ricoprire le zone centrali del campo con innata duttilità. Ragazzo spigliato e deciso, ha giocato nelle giovanili e come professionista nella Ternana per circa due anni e mezzo; dopodichè ha trascorso un anno a Gubbio in serie C, per poi passare al Monterotondo in serie D. Infine, da qualche giorno, è un nuovo leone rossoblù, avendo già esordito e disputato uno scampolo di partita, durante la sfida di domenica scorsa pareggiata 0-0, contro il Gaeta.
In pieno clima Ausonia, Gianfranco si è presentato, dimostrando di essere già in sintonia con l’ambiente rossoblù.

🦁 GIANFRANCO BATTISTINI: «Sono stato contattato dal direttore sportivo Fabrizio Di Emma, che mi ha spiegato come ci fosse l’opportunità di poter giocare qui a Sezze e io ho accettato senza alcun ripensamento, perché l’idea mi intrigava molto e avevo davvero voglia di mettermi in gioco in una piazza che è abituata a vivere per il calcio. Difatti, appena arrivato mi sono reso conto di aver deciso in bene: mi sono trovato subito a mio agio, perchè qui c’é un ambiente caldo e il gruppo è composto da tanti ragazzi con cui è un immenso piacere allenarsi ogni giorno insieme e vivere un campionato che è tutto da scrivere. Stesso discorso per il mister e gli altri membri della società, che mi hanno fatto sentire fin da subito a casa.

Conoscevo già tre quattro compagni, ma conoscere gli altri è stato un vero piacere per me. Anche se sono qui alla Vis da pochi giorni, mi sto allenando con grande passione e voglia di dimostrare tanto. Conoscevo il mister solo di nome, dato che non ho mai avuto il piacere di essere allenato da lui prima d’ora e ne sto apprezzando il modo in cui cerca di insegnarci a sviluppare le sue idee di gioco, per non parlare della carica e dell’attenzione che ci chiede durante le fasi di preparazione delle partite. Ho capito immediatamente che qui non si perde tempo e lavorare con serietà è l’unico modo per ottenere qualche risultato.

Sono un calciatore che ama essere al centro del gioco, uno che non molla nemmeno davanti l’impossibilità di riuscire in qualcosa. Sento molto le partite, già qualche giorno prima di scendere in campo; amo stare sempre sull’attenti, cercando di trasmettere ai miei compagni tutta la carica di cui dispongo. Sono qui da pochi giorni, ma se posso azzardare, sono convinto che questo gruppo abbia delle potenzialità enormi e il quarto posto che occupiamo in questo momento è già di per sè un risultato importante. Ma non dobbiamo assolutamente fermarci qui, perché la strada è lunga e di sfide da affrontare ce ne sono ancora tante. Come domenica, per esempio, quando saremo ospiti della prima in classifica e dovremo dar fondo a tutte le nostre energie e capacità per giocare una partita degna di questo nome. Ma non ci spaventa assolutamente e ne è un esempio la prestazione di domenica scorsa contro il Gaeta, che ci ha lasciato con un pizzico di rammarico, visto che, con un poco di fortuna in più, avremmo potuto vincerla. A dimostrazione di come la Vis non è seconda a nessuno, se riesce a mettere in campo le sue idee».

Area Comunicazione Vis Sezze

Lascia un commento