Bellegra,Titocci: “Non pensavamo di poter stare lassù, ma ora ce la giochiamo”

Un altro turno di campionato di Prima categoria è stato messo alle spalle e in vetta c’è ancora il Bellegra

La squadra di mister Vinicio Quaresima ha battuto per 2-0 il Casilina e ha “respinto” l’assalto del Villa Adriana, rimanendo avanti di un punto. “Non è stata una gara semplice – dice l’attaccante classe 1995 Valerio Titocci, a bersaglio assieme a Parfene – D’altronde quando giochi contro la prima in classifica provi sempre a tirare fuori quel qualcosa in più e così è stato anche per il Casilina, alla ricerca di punti salvezza. Noi siamo stati bravi a sbloccarla prima dell’intervallo, poi abbiamo sciupato qualche occasione buona per chiuderla e il risultato è stato in bilico fino a una decina di minuti dalla fine, anche se non abbiamo praticamente corso rischi”.

Grazie a questo successo, la formazione di mister Quaresima ha allungato sulla terza piazza, stante la sconfitta interna dell’Atletico Colleferro contro lo Sporting San Cesareo: “Ma credo che non si possa ancora parlare di “solo duello” tra noi e il Villa Adriana. Al momento l’Atletico Colleferro è lontano otto punti, ma ha anche giocato una gara in meno e quindi potenzialmente è a cinque lunghezze da noi. Inoltre parliamo di una squadra che è approdata alle semifinali di Coppa Lazio e quindi ha valori tecnici importanti”. In ogni caso il Bellegra può davvero sognare: “All’inizio della stagione non pensavamo di poter stare lassù, anche perché questo è un gruppo abbastanza rinnovato. Col passare delle settimane, però, la squadra ha preso fiducia, entusiasmo e consapevolezza nei suoi mezzi e ora che siamo lì ovviamente ci crediamo anche se sarà molto complicato spuntarla”. Con quello al Casilina, sono nove i gol stagionali di Titocci, al quarto anno con la maglia del Bellegra e punto di forza di un reparto d’attacco che fa… paura: “Ma c’è tanta qualità anche in altri reparti, segno che la società ha allestito un gruppo importante”. Nel prossimo turno Titocci e soci saranno impegnati sul campo dell’Oir penultimo della classe con appena quattro punti: “Sottovalutare l’avversario sarebbe un errore gravissimo, d’altronde all’andata pareggiammo 1-1 e quello ci deve servire da lezione. E’ una partita pericolosissima in cui abbiamo tutto da perdere”.

Lascia un commento