Caligiuri, i legni ed i gol mangiati: l’Atl. Torrenova si rammarica per il pari col Ferentino

La corsa del Ferentino si ferma in casa dell’Atletico Torrenova

Il punto conquistato sul campo dell’undici di Russo può essere archiviato in modo positivo sia per la caratura dell’avversario sia per come è arrivato.

Dopo appena due giri di lancette, infatti, gli amaranto si sono ritrovati sotto per via del gol di Pedrocchi, abile a insaccare con un bel diagonale dopo l’imbeccata geniale di Sganga. Reazione del Ferentino che intorno alla mezz’ora è di nuovo in partita grazie a Caligiuri, bravo a sfruttare l’assist perfetto di Piscopo dalla sinistra. La partita è molto maschia e spigolosa, vive di fiammate. A dieci minuti dal termine della prima frazione di gioco episodio che potrebbe indirizzare il match. L’arbitro assegna un calcio di rigore ai padroni di casa. Dal dischetto lo specialista Mirko Forcina gonfia la rete per il suo centro numero 200 tra i dilettanti. Amoroso sfiora il punto del 3-1 sugli sviluppi di una punizione laterale scodellata da Barile.

Proprio mentre la formazione di Pippnburg si apprestava a rientrare negli spogliatoi sotto di un gol, ancora Caligiuri – in giornata di grazia – pesca il jolly con una punizione dai 30 metri di rara bellezza sulla quale Aniello non può nulla.

Nel secondo tempo gli amaranto cercano subito di graffiare con Ambrifi, ma il colpo di testa dell’attaccante è deviato scrupolosamente in angolo dal numero 1 ex Colleferro e Valle del Tevere. Da lì in poi è un monologo bianconero. Prima Forcina viene steso in area, ma l’arbitro sorvola. Lo stesso ex Fiumicino salta Pizzuti, ma cicca la conclusione, poi Stampete centra un avversario e gli ospiti si salvano. Pippnburg cambia in chiave difensiva, il Ferentino latita nella metà campo avversaria e Ambrifi e Carmassi rimangono isolati. Forcina coglie il palo di testa, poi Noce si salva su conclusione prima di Pedrocchi centrale ed infine a Lukaj si strozza l’urlo in gola due volte: punizione smanacciata dal classe 2000, quindi incrocio dei pali dopo un destro a giro dai 25 metri.

In chiusura è la zuccata di Botti a sfiorare il palo su azione d’angolo ed a chiudere il vano predominio dei capitolini.

Termina, quindi, 2-2: la corsa del Ferentino si ferma contro l’Atletico Torrenova ma la lotta per la promozione in Eccellenza rimane quantomai aperta. La vetta del girone D, infatti, dista solo tre lunghezze.

Atletico Torrenova – Ferentino 2-2

Atletico Torrenova: Aniello, Fumaselli, Panariello, Sganga, Botti, Amoroso, Pucci (Stampete), La Forgia (Lukaj), Forcina, Barile (Di Cicco), Pedrocchi. A disposizione: Mosconi, Berluti, Marcone, Clementi, Barretta, Serafini. Allenatore: Russo

Ferentino: Noce, Mariani, Piscopo (De Angelis), Veloccia (Ciocchetti), Cestra, Pizzuti, D’Arpino, Previtera, Ambrifi, Caligiuri (Orsinetti), Carmassi (Moriconi). A disposizione: Fiorini, Cantagallo, Villani, Costantini, Pennacchia. Allenatore: Pippnburg

Arbitro: Giordano della sezione di Palermo
Assistenti: Sansone di Aprilia e Colizzi di Albano Laziale

Marcatori: 2’pt Pedrocchi (AT), 10’pt Caligiuri (F), 35’st rig. Forcina (AT), 44’st Caligiuri (F)

Ammoniti: Sganga, Botti, Amoroso (AT), Mariani, Piscopo, Pizzuti, D’Arpino, Carmassi, Ciocchetti (F)

Lascia un commento