Il Paliano alimenta la speranza: un punto contro la Vis Sezze

GRINTA, GOL ED EMOZIONI FORTI: TRA PALIANO E VIS SEZZE É GRAN SPETTACOLO

Una partita a dir poco spettacolare quella andata in scena sul campo “Piergiorgio Tintisona” di Paliano: 2-2 tra i padroni di casa e una Vis arrembante, che ha respinto colpo su colpo i tentativi serrati del Paliano di tornare alla vittoria, dopo un lungo periodo di crisi.

Mister Catanzani si affida a Caruso tra i pali e al classico assetto difensivo composto da Bucciarelli e Chinaglia al centro, affiancati da Cioè e Dell’Aguzzo sulle fasce; a centrocampo le chiavi del gioco sono affidate a Giannone, che macina gioco e argina le trame avversarie, supportato da Palluzzi e Berti; in attacco Gambioli e Loria al servizio di Rufo.

Fin dai primi calci si ha la sensazione di assistere a una sfida tesa sul piano agonistico, impersonata con verve e grinta da ambedue gli schieramenti; il Paliano mette in campo tanta fisicità e la qualità dei suoi interpreti non è da meno, mentre la Vis gioca a testa alta, provando a sfruttare il liscio manto erboso sintetico, tessendo un calcio a tratti spumeggiante.
Ma sono i padroni di casa ad andare subito in vantaggio, quando all’8 pt Porzi trafigge Caruso, calciando con gran coordinazione, spingendo in rete un bel cross dal lato corto dell’area di rigore.

Dopo il vantaggio, il Paliano si abbassa più del dovuto, offrendo campo e maggiori spazi alla Vis. Giannone sale in cattedra, scaldando i guantoni di Esposito, prima con un tiro da fuori, che il portiere avversario devia in angolo, poi con un calcio di punizione esemplare, neutralizzato sempre dall’estremo difensore del Paliano.
Anche Caruso è all’altezza della situazione, quando ipnotizza Fazi lanciato a rete, spegnendo i suoi sogni di gloria in angolo.
Al 23’ pt Bucciarelli si ritrova sul destro una palla dolcissima, ma la sua conclusione si alza sopra la traversa; un gran peccato anche per Gambioli, destinatario due minuti dopo di un cross al bacio di Loria, ma il numero undici della Vis non riesce a impattare di testa.
La Vis gioca di fino, mentre il Paliano sembra narcotizzato da una sicurezza illusoria; al 28’ pt ci pensa la “locomotiva” Dell’Aguzzo a riassestare gli equilibri, scrivendo una degna conclusione a un’avvolgente azione rossoblù, quasi tutta giocata di prima, grazie a una zampata lesta, portando il punteggio sull’1-1.

Con il passare dei minuti Cioè e Gambioli si danno molto da fare, soprattutto il secondo, che gioca una gran frazione di tempo quasi da centravanti; il Paliano sembra voler attaccare con parsimonia, evitando di scoprirsi più del necessario, ma la breccia difensiva dei padroni di casa tiene ingarbugliate le frecce rossoblù.
Prima della chiusura del primo tempo, c’è spazio per Borgia e Lustrissimi per impensierire Caruso, ma il numero uno setino non si lascia intimorire per dei tiri velleitari; per la Vis ci prova ancora Dell’Aguzzo, ma il diretto marcatore lo disturba, costringendolo in angolo.

La ripresa si apre nel segno di uno spento Fazi, che di colpo s’accende, accendendo il Paliano: prima prova a tagliare la difesa della Vis con un filtrante che non raggiunge nessuno, poi si vede soffiare la sfera da Caruso, che esce fin sulla trequarti, scippandolo in scivolata, per un intervento da ovazione.
Le due formazioni si concentrano nella zona centrale del campo, sbagliando molto in fase di impostazione, ma serrando i ranghi. E, in mancanza di campo aperto, occorre a volte ricorrere al lancio lungo; come fa Dell’Aguzzo al 17’ st, quando tira fuori dal cilindro una sventagliata da gran calciatore per il neo entrato De Falco, che controlla la palla con gentilezza, scartando Esposito in uscita, per poi gonfiare la rete e completare il sorpasso rossoblù.
Un vantaggio che, purtroppo, dura solo un giro d’orologio, perché per mantenere alta la spettacolarità di una sfida pirotecnica, Ventura risponde al gol setino con un colpo da cinico maestro, spingendo in rete una palla mal interpretata dalla retroguardia della Vis.
È un momento delicato del match, che torna in precario equilibrio. Dal gol del pareggio, il Paliano ritrova una carica fino a ora perduta, mettendo in mostra tutta la qualità dei suoi interpreti: al 22’ st Matozzo scaglia un missile terra-aria che si schianta contro il palo della porta difesa da Caruso, che poi si esalta sulla ribattuta avversaria, mettendo una manona salvifica contro il destino beffardo.
Sul capovolgimento di fronte, tuttavia, la Vis avrebbe l’occasione perfetta per mandare i suoi tifosi in estasi, ma De Falco non riesce a superare Esposito in uscita, in un duello faccia a faccia, nel quale stavolta la spunta il numero uno del Paliano.
Matozzo sembra di un’altra categoria e fa il diavolo a quattro. Fazi si impegna come può, ma Bucciarelli e compagni non mollano la presa e lottano con audacia. Lustrissimi ci riprova da fuori, ma la mira è da rivedere.

Dopo una partita molto generosa, la Vis – complici anche le assenze di Compagno e Tomei, utili per innestare nuove energie a centrocampo – accusa una certa stanchezza e il Paliano potrebbe addirittura approfittarne sullo scadere, quando sempre Fazi si vede negare la gioia del gol vittoria da un Caruso in formato extralarge, che tiene salva la porta anche sullo scadere, quando Ranucci cede alla poca lucidità e si divora il colpo del k.o., calciando debolmente a lato da posizione irrinunciabile.

Un punto che pesa per la Vis, in una sfida ad alta tensione, giocata senza freni e con il diavolo in corpo. I leoni di mister Catanzani restano quarti in classifica, a quota 34 punti, a ben sette lunghezze dalla vetta, occupata dalla Polisportiva Insieme Ausonia, vincitrice per 3-1 in casa del Gaeta – ferma a 38 -, nel big match di giornata; terzo posto per il Casal Barriera, a 37 punti, che piega in casa per 1-0 l’Atletico Lodigiani.
Inizia in modo positivo questo febbraio di ferro per la Vis. E domenica sarà supersfida, quando al “Tasciotti” arriverà il Gaeta.

⚽️ Polisportiva Città di Paliano – Vis Sezze 2-2 ⚽️

Polisportiva Città di Paliano (4-3-3): Esposito, Ilari, Ranucci, Lustrissimi, Borgia, Romaggioli, Ziantoni, Porzi (34’ st Costantini), Ventura (34’ st Pepe), Cesarini (10’ st Matozzo), Fazi. A disp.: Perri, Pesce, Ponza, Ronci, Tenkorang, Lampis. All: F. Russo.

Vis Sezze (4-3-3): Caruso, Cioé, Chinaglia, Bucciarelli, Dell’Aguzzo, Giannone, Palluzzi [19’ st De Angelis (43’ st Veneziani)], Berti, Gambioli (5’ st De Falco), Loria, Rufo (34’ st Carlini). A disp.: Paccarié, Ferrazzoli, Trippa, Petrillo, Ienco. All. F. Catanzani.

Arbitro: Chirnoaga (Tivoli); (Guglielmi e Spinetti di Albano Laziale)

Marcatori: 8’ pt Porzi (P), 28’ pt Dell’Aguzzo (VS), 17’ st De Falco (VS) 18’ st Ventura (P)

Ammoniti: 48’ st Matozzo (P)

Recupero: 1’ pt, 5’ st

Area Comunicazione Vis Sezze

Lascia un commento