Il Casilina non riesce a fermare in alcun modo la Semprevisa: Coluzzi mattatore al ‘Galeotti’

Manita senza storia alcuna disegnata sul terreno verde del “Galeotti”

SEMPREVISA- CASILINA 5-0

SEMPREVISA: Gavillucci, Shytaj, Zeppieri, Palombi A. (36’st Cacciotti S.), Corvo, Macali R. (22’st Macali S.), Battisti (31’st Santucci), Cacciotti N., Ferrari (45’st Astri), Coluzzi, Polidoro (38’st Raponi) A disp. Palombi F., Cacciotti S., Raponi, Macali L., Santucci, Astri, Lepre, Macali S., Biasiotti All. Centra

CASILINA: Samele, Battistelli, Gro, Laurenzi, Pirri, Bruno, Pepaj, Conciatori, Testa(15’st De Witt), Tafani (25’st Andracchio), Giordani (36’st Scotini) A disp. Vizioli, Amnedola, Scotini, De Witt, Andracchio, D’Agapiti All. Cippitelli

MARCATORI: 8′ Ferrari(rig.), 33′ Coluzzi, 36′ Coluzzi, 30’st Cacciotti N.(rig.), 35’st Ferrari

Non poteva certo rimanere non vendicata la sconfitta di domenica scorsa nel centro sportivo di Colonna per la Semprevisa in una domenica opposta a quella appena passata.

La Visa offensiva e aggressiva di oggi è lontana parente di quella di sette giorni fa ed annulla qualsiasi tentativo di un Casilina che nello scorso turno aveva rimandato a casa il Villa Adriana senza punti.
Nella manita senza storia alcuna disegnata sul terreno verde del “Galeotti”, una copertina speciale la merita Coluzzi, autore di due giocate d’autore entrambe in rovesciata ed entrambe in gol a cavallo tra il 34′ ed il 37′.
Centra, anche per dare un segnale, opta per un 4-2-3-1 con una formazione a trazione anteriore lasciando in panchina un centrocampista per rinforzare la batteria offensiva: punta Ferrari, dietro di lui Polidoro, Coluzzi e Battisti.
Il tabellino brilla già all’8′ quando Ferrari si guadagna il calcio di rigore.
L’esecuzione dello stesso numero nove è da maestro e il risultato si sblocca a poco dall’inizio.
La lezione di domenica scorsa sembra imparata e la squadra di Centra macina occasioni.
È l’11’ quando un tacco di Coluzzi smarca Battisti che al limite dell’area lascia partire un sinistro che Samele si vede sfilare di fianco.
Dovrà invece intervenire al quarto d’ora per sventare la punizione partita dal destro dell’indiavolato Coluzzi.
Impegnato più che mai il portiere ospite anche al 16′, attimo in cui Battisti batte la via del raddoppio non trovandola per il volo di Samele.
Non può però far nulla sulla splendida rovesciata del 2-0 di Coluzzi al 34′ che merita applausi a scena aperta ma che è solo l’inizio del suo show.
Passano solo due minuti che si disegna nell’area una nuova acrobazia.
È ancora quella del numero dieci che ,assistito da Shytaj dalla destra, ribalta nuovamente il risultato con un’altra rovesciata ancor più bella della prima che vale il prezzo del biglietto.
Nel mezzo dei due capolavori un tentativo andato a vuoto di Pepaj con un tiro che neanche inquadra lo specchio.
All’alba del secondo tempo Coluzzi diventa assist man da fondo campo cercando e trovando Polidoro che, di prima con il sinistro in area, non riesce a cogliere lo specchio di porta.
Chi cerca invece l’effetto sorpresa al 75′ è Cacciotti N. che butta l’occhio verso la porta e, vedendo il portiere lontano dai pali, prova a sorprenderlo da lontano non facendo però mutare ancora lo score.
La corsa di Palombi invece cinque giri di lancette più tardi sembra lasciare presagire nuova esultanza ma, sottoporta, il tiro di sinistro cancella la gioia.
La festa è solo rinviata, l’arbitro fischia un rigore per un contatto in area: è Cacciotti N. che si incarica della battuta, potente e sotto la traversa, 4-0 che sa di goleada.
C’è anche spazio per il momento dell’ultimo contropiede portato avanti da Ferrari che manda al bar Samele e deposita nella rete il gol del definitivo 5-0.

Conta spesso la testa nel calcio, contano le motivazioni e di certo oggi ai ragazzi di Centra non sono mancati.

Area Comunicazione Semprevisa

Lascia un commento