Rieti, il ds Minguzzi al lavoro: Zaffagnini, Tarolli e Bruno le piste di mercato aperte

Oggi sarà il giorno di Vincenzo Minguzzi

Il neo direttore sportivo del Rieti, ufficializzato nelle ultime ore del 2019, verrà presentato alle 16 con una conferenza stampa che si terrà nella sala consiliare del Comune di Rieti.
Una location diversa dal solito, lontana dalla consuetudine dello Scopigno, che potrebbe rappresentare un’ulteriore occasione di dialogo con le istituzioni locali per fare il punto della situazione
sia in chiave organizzativa che da un punto di vista prettamente sportivo.

I LEGAMI — Minguzzi, che per tanti anni è stato uno dei più stretti collaboratori della famiglia Camilli, tra Grosseto e Viterbo, vanta un’amicizia di lunga data con l’attuale diesse della Fiorentina (ed ex Roma) Daniele Pradé e ha un filo diretto anche con Antonio Bocchetti, ds a Pescara. E proprio in queste due piazze – e non solo – potrebbero svilupparsi alcune trattative o essere alimentate sinergie attraverso le quali reperire gli elementi giusti per rimpolpare la rosa che Beni dovrà essere bravo a gestire per recuperare il terreno perduto e restare in piena corsa salvezza, nonostante quel -4 ormai alle porte che farà scivolare il Rieti all’ultimo posto della classifica.

LE TRATTATIVE — Nel dettaglio, oltre a Zaffagnini, che resta la prima scelta per rimpiazzare l’ormai ex capitano Gigli che proprio ieri ha firmato un contratto di un anno e mezzo col Sudtirol, il Rieti sta valutando la posizione dell’ex portiere di Foggia e Virtus Francavilla Stefano Tarolli: 22 anni, 6 presenze in B coi rossoneri due stagioni fa, un giocatore sul quale poter puntare soprattutto se Pegorin dovesse decidere di cambiare aria. Per il centrocampo, invece, Minguzzi nelle prossime ore avrà modo di confrontarsi proprio con Bocchetti a Pescara – città d’origine del diesse reatino – per valutare alcuni elementi che il Pescara considera in uscita. Tra questi sembra esserci anche il 36enne beneventano Alessandro Bruno, tornato a Pescara nel gennaio scorso, dopo esserci già stato nel biennio 2015-17 (quello della promozione in A), ma non del tutto al centro del progetto di Zauri: per il Rieti rappresenterebbe senza ombra di dubbio un elemento di assoluta esperienza viste le sue 430 presenze tra A, B, C1 e C2.

DOMANI AMICHEVOLE — Nel frattempo la squadra prosegue la fase di preparazione in vista della ripresa del campionato. Ieri il team si è diviso tra campo e palestra in un’unica seduta pomeridiana, ma oggi tornerà al doppio allenamento, mentre per domani è previsto un test (ore 14.30 allo Scopigno) con la Berretti per riprendere il ritmo-partita, a sei giorni dalla sfida casalinga col Picerno, anticipata a sabato alle 14.30 per evitare la concomitanza di orario (17.30) il giorno successivo con Npc-Orlandina.

Marco Ferroni – Npctv.it

Lascia un commento