Altro brindisi per la Virtus Acquapendente: 1-0 ad un buon Tre Croci

Navigazione esperta, Virtus Acquapendente in vetta alla classifica

Il rapporto collettivo-individualità cresce in maniera puntuale, precisa, omogenea, equilibrata. “Cuore match” al minuto 6 con tutto un belvedere: intelligente verticalizzazione di Sartucci, movimento di qualità per Pacifici nel saltare il marcatore prima del cross, solida conclusione a rete del bomber Pinzi.

Molto altro nel piatto gara aquesiano. Con lo stesso bomber di giornata che mette a segno cinque movimenti smarcatura da incorniciare prima di calciare in porta, Crisanti e Bigerna che da metronomi dialogano sempre più tempestivamente con i rifinitori, Nardini baluardo difensivo ma anche esperto nelle punizioni, Del Segato che da solo quattro minuti in campo mette in mostra un ritrovato piede caldo dalla mattonella tiro piazzato.

Tre Croci da applausi nel primo tempo per la qualità di gioco in avanti. L’imprendibile Segatori si procura un calcio di rigore che Delle Monache spreca mandando a lato, Fabbri impegna in tre occasioni da calcio piazzato il sempre attento Palla. Davvero peccato la non fotocopia espressione gioco nel secondo tempo.

ACD VIRTUS ACQUAPENDENTE – SSD TRE CROCI 1-0

(PRIMO TEMPO 1-0)

ACD VIRTUS ACQUAPENDENTE: Palla, Zucca, Bedini, Pagliacci (15° st Pelosi), Sarti, Nardini, Pinzi, Gabriele Bigerna, Pacifici (46° st Del Segato), Crisanti, Sartucci

A DISPOSIZIONE: Lauricella, Belardi, Giuseppe Bigerna, Dominici, Madi, Piazzai, Rocchi

ALLENATORE: Paliacci-Tomassetti

SSD TRE CROCI: Lopera, Lucreziotti (14° st Barbaranelli), Fabbri, Capocchia, Lanzalonga, Pasqualetti, Segatori, De Grandis (28° st Ciula), De Carlo, Delle Monache, Van Gingkel

A DISPOSIZIONE: Pifwri, Tocchi, Moracci, Raccio, Selvetti

ALLENATORE: Carnevale

ARBITRO: Giuseppe Noto (Comitato di Viterbo)

MARCATORI: 6° pt Pinzi (AVA)

NOTE: Ammoniti 26° pt Lucrezietti (STC), 39° pt Zucca (AVA), 41° pt De Carlo (STC), 27° st Bedini (AVA), 41° st Barbaranelli (STC), 47° st Pasqualetti (STC)

Giordano Sugaroni

Lascia un commento