V. Divino Amore, Vallesi: “Bella cinquina col Podgora, ora occhio al Real Marconi”

La Virtus Divino Amore inanella la sua terza vittoria in campionato battendo con un rotondo 5-0 il Podgora

La Virtus Divino Amore sale al quinto posto in classifica. “Una partita molto positiva, eravamo arrabbiati per la precedente sconfitta sul campo della Clembofal al termine di una gara che era stata stregata – dice l’esterno difensivo o di centrocampo classe 1993 Paolo Vallesi – Siamo entrati in campo con grande determinazione e già nel primo tempo eravamo in vantaggio per 3-0 grazie al tris personale di Bayslach (il cui primo gol è stato propiziato proprio da un assist di Vallesi, ndr). Nella ripresa ancora Bayslach ha realizzato la rete del 4-0 e infine io stesso ho arrotondato il risultato”.

Vallesi si sta adattando nel ruolo di esterno destro del 3-4-3 studiato dai tecnici Petruzzi e Fagiolo: “Bisogna fare le due fasi e avere tanta corsa, ma sto cercando di dare il mio contributo alla squadra”. I valori del girone sembrano già delinearsi anche se sono passate appena cinque giornate: “Sapevamo che il Nettuno sarebbe stato tra le possibili protagoniste visto che ha un blocco di giocatori che stavano al Lavinio Campoverde. Anche la Vivace Furlani Grottaferrata ha un organico di spessore, ma non vanno dimenticate nemmeno Pro Cecchina e Città di Pomezia, squadra quest’ultima che conosco bene per averci giocato nel recente passato. Noi vogliamo dimostrare di essere all’altezza dei primi posti, ma servirà continuità per arrivare fino in fondo”.

Vallesi è arrivato in estate dalla Virtus Ardea e sembra essersi già ambientato nel nuovo gruppo: “Mi trovo bene con tutti e sono felice della mia scelta”. Nel prossimo turno la Virtus Divino Amore sarà ospite del Real Marconi Anzio, ultimo della classe: “Sono le partite più pericolose: giocheremo su un campo difficile e di terra come quello della Clembofal e dovremo tenere la concentrazione alta. Ci aspetta un avversario che in casa è complicato da affrontare e che cercherà di mettere la sfida sul piano dell’agonismo, noi dovremo essere pronti a replicare” conclude Vallesi.

Lascia un commento