Corneto, promossa la fase difensiva di Bifini. Il tecnico e Pastorelli dopo l’UniPomezia: “Gara dispendiosa, la strada è lunga”

La corazzata Unipomezia impatta contro la Corneto Tarquinia, incontro piacevole, tirato e dai continui capovolgimenti di fronte

CORNETO TARQUINIA -UNIPOMEZIA 0-0

Mister Bifini decide di far scendere in campo una formazione rivista nei primi undici in campo e per disposizione tattica.

I tarquiniesi non abbassano mai la guardia e rispondo colpo su colpo, alla prima occasione dell’Unipomezia, neutralizzata da San Filippo, risponde Monteforte con una traversa che aveva fatto pensare al gol. Nel secondo tempo si cala fisicamente, la difesa non molla di un centimetro. A due minuti dal fischio finale è Forieri ad avere l’ultima possibilità di segnare, nulla di fatto e squadre sotto la doccia con un punto a smuovere la classifica.

Mister Bifini: “La strada è lunga dobbiamo lavorare. Ho a disposizione giocatori che hanno voglia di fare sacrifici. Di fronte avevamo una delle pretendenti alla vittoria del campionato abbiamo preso un buon punto e soprattutto non abbiamo preso gol. Con più cattiveria potevamo andare in vantaggio. Cerchiamo sempre di dare il massimo e faremo dell’organizzazione la nostra forza. Nel lavoro settimanale abbiamo lavorato poco sul possesso palla, per ora mi interessa dare solidità difensiva. Lavorare e lavorare e vedrete che i risultati arriveranno. Bisogna partire dal punto di oggi. Forza Corneto. Un grazie alla società che cerca di mettersi sempre a disposizione”.

Omar Pastorelli: “Portiamo a casa un punto dopo una partita dura contro un ottima squadra. Siamo stati bravi ad essere compatti e cercare di ripartire, con un po’ di lucidità in più potevamo anche fare gol anche se la stanchezza era tanta. Dopo una partita così dispendiosa credo ci sia da fare i complimenti a tutti anche se la strada è ancora lunga e testa alla prossima”.

Domenica prossima ci aspetta lo Sporting Genzano che, nella giornata odierna, si è imposto fuori casa con l’Aranova

Area Comunicazione Corneto Tarquinia

Lascia un commento