Altro addio, via Calabresi da Tivoli: “Nulla da rimproverarmi”. Ma non sarà il solo…

Il cambio tecnico deciso dal club tiburtino ha provocato ulteriori scosse

Si tratta di addii eccellenti, quattro perni della Tivoli di mister Di Giovanni cambieranno aria. Innanzitutto l’esperto difensore Simone Calabresi ha annunciato la sua separazione dai tiburtini:

C’è sempre una prima volta dicono… Beh niente di più vero! In questa vita tutto può succedere perché è una lotta continua giorno dopo giorno, in ogni singola cosa che ci troviamo ad affrontare credo che le domande d’obbligo da farsi sono. Sto facendo tutto quello che posso? Sto dando tutto me stesso? Mi pongo nel giusto modo con le persone? Io credo che in questo caso – parlando di calcio o pallone – a seconda delle preferenze non ho assolutamente nulla da rimproverarmi perché mi sono dedicato a 360 gradi all’interno di una squadra di una società e di un’intera città. Poi per carità di Dio ognuno di noi è libero di esprimere il proprio pensiero soggettivamente e ci mancherebbe altro perché fa parte del gioco, mi sono trovato molte volte nella mia vita col fucile puntato facendo parlare sempre troppe persone in maniera sbagliata di me molto spesso etichettandomi per un mostro o addirittura per una brutta persona e per di più proprio per quello che non sono e non sarò MAI!

Quindi adesso sarebbe troppo facile per me usare lo stesso atteggiamento nei confronti di qualcun’altro.. invece no mi dispiace io vado oltre. Ringrazio ogni singola persona che ho avuto il piacere di conoscere ogni singolo compagno nuovo conosciuto tutti i compagni ritrovati e la stessa società che mi ha messo a disposizione TUTTO!

Per ultimo mi sento di dare un grande abbraccio ad una TIFOSERIA SEMPLICEMENTE MERAVIGLIOSA CHE HA DIMOSTRATO E DIMOSTRERÀ SEMPRE DI AMARE LA PROPRIA CITTÀ. E di sicuro non potrò mai dimenticare quelle parole che IN TANTI HANNO SENTITO E DI SICURO LE PORTERÒ SEMPRE NEL MIO CUORE”.

Anche i fratelli Luca e Daniele Di Giovanni lasciano il club di patron Caucci, seguendo dunque il padre trainer.

Saluterebbe anche – secondo Calciodellatuscia.itDiego Tornatore, che stava vivendo da comprimario i primi mesi all’Olindo Galli’ alle spalle di Teti.

Lascia un commento