Under15 Elite – Urbetevere, la riflessione di Stazi: “Ogni successo ha una storia diversa”

In questi giorni di preparazione alle finali nazionali, il direttore dell’Urbetevere Fabrizio Stazi rifletteva sul fatto che “ogni successo ha una storia diversa, determinata sempre da scelte che con il tempo ti danno ancora maggiore soddisfazione, sia perché hanno portato un titolo regionale e soprattutto un riconoscimento al lavoro svolto negli ultimi anni da tutte le componenti di questa società. Pertanto volevo ringraziare il presidente Claudio Cicchetti per averci dato la possibilità di svolgere il lavoro al meglio dal ritiro pre campionato ad oggi, il lavoro dello scouting coordinato dal fido maestro Michele Tortorici ed i suoi collaboratori, all’ex direttore Paolo Cioeta che fino a dicembre è stato con noi, al personale di segreteria Paolo, Camilla e Massimo, al brontolone magazziniere Augusto che ha sempre o quasi esaudito le richieste del mister, ai dirigenti Alessandro Mazza e Gioacchino Pelliccioni sempre presenti e vicini alla squadra, al nuovo Ds Sergio Morigi per il contributo sul finire della stagione. Da domenica prossima inizierà il cammino verso un ulteriore obiettivo che solo pochi possono giocarsi ed i nostri ragazzi se lo sono meritato, crescendo giorno dopo giorno sopportando gli incitamenti del Prof. Patrizio Petruzzi e i preziosi consigli di mister Pasquale Barba. A loro va il mio ringraziamento per questi ultimi 4 anni meravigiosi ed intensi passati insieme, tra gioie e dolori che hanno consacrato l’Urbetevere Calcio nell’elite del calcio giovanile e indubbiamente la migliore nella categoria giovanissimi per titoli e giocatori passati ai professionisti.

Per ultimo ho lasciato voi, i protagonisti di questo successo figlio di un grande impegno, sacrifici e rinunce personali. Quando è stato formato il gruppo in estate, cercando di sostituire i ragazzi che ci avevano lasciato per i campionati professionistici e qualcuno che non credeva nel progetto tecnico della società – peccato per loro – capii dal primo giorno di ritiro che si erano fatte le scelte giuste. Un gruppo con il quale si è condiviso tutto dentro quel famoso spogliatoio numero 7 anche scelte dolorose e non facili da prendere e gestire. Ora avanti fino alla fine con la certezza che darete sempre il tutto per raggiungere il massimo, perché voi siete così, i giovanissimi 2004 dell’Urbetevere Calcio”.

Lascia un commento