Promozione, Girone – Play-out, Battisti accende Montefiascone! Centaro nel post Urbetevere: “Salvezza dedicata a…”

Il Montefiascone passa per 1-0 e condanna l’Urbetevere – al termine di una gara combattuta – al ritorno in Prima Categoria. I biancoverdi passanocon Battisti. Dopo il match contro i romani, il tecnico dei falisci Enrico Centaro si gode il momento

“Non abbiamo vinto un campionato ma è come se lo avessimo vinto. Che cosa ho pensato al triplice fischio? Tante cose… In un attimo, come un fulmine a ciel sereno, molte immagini belle e brutte della stagione mi sono passate davanti ai miei occhi. È vero, sapevamo tutti che sarebbe stato un campionato difficile con diverse sconfitte e quando si perde nel calcio, come del resto dappertutto, iniziano, per noi allenatori, le tanto amate critiche. Il calcio sarà sempre così, non cambierà mai, ma quanto è bello vivere la squadra, essere presente,quando perdi,questo, è il vero ruolo che un allenatore deve avere ed è molto bello esserci in quei momenti. La salvezza di quest’anno la voglio dedicare ai miei ragazzi, che amano il calcio, quello vero, fatto di emozioni indelebili, di viaggi e sacrifici, di caldo rovente e di gelo, di trasferte con macchine e panini. La dedico a loro che sono cresciuti inseguendo un pallone e stanno trascorrendo gli anni più belli della loro vita dietro un risultato. La dedico a loro che sin da infanti stanno riversando i propri sogni in quel rettangolo verde. La dedico a quei ragazzi che non hanno potuto giocare per infortunio o per scelta tecnica, ma vedendo la tristezza nei loro occhi, mi hanno insegnato che la partita è come se l’avessero giocata in tribuna o in panchina, non perdendola mai. La voglio dedicare a loro perché hanno dimostrato con la loro gioventù,dedizione al lavoro e passione che ci si può salvare anche all’ultimo round. La voglio dedicare a loro e a tutto lo staff perché mi hanno insegnato a non avere certezze assolute e che la bellezza del calcio vive proprio nelle sue eccezioni. Un ringraziamento particolare va al presidente Minciotti e al vice presidente Sciuga e a tutti i dirigenti, ds che con il loro ottimismo mi hanno sempre sostenuto. Grazie ai tanti amici addetti ai lavori che mi hanno sostenuto. Il resto godetevelo, questo è il calcio bellezza: poesia, passione, follia, appartenenza”.

Lascia un commento