Lega Pro, Girone C – Il Trapani passa a Rieti. Capuano: “Siamo stati in partita”

Al Rieti non riesce l’impresa di arrestare la corsa del Trapani, sempre più lanciato all’inseguimento della Juve Stabia: allo “Scopigno” di fronte a poco meno di mille spettatori, la formazione amarantoceleste perde 2-0 cedendo il passo solo dopo un’ora di gara. Apre Ferretti al 58′ sfruttando un’ingenuità difensiva del Rieti, raddoppia Evacuo al 67′ su calcio di rigore concesso per fallo di Brumat sullo stesso attaccante granata.

RIETI FRENA, TRAPANI VOLA — E’ una sconfitta che lascia il Rieti in piena zona play out e consente al Trapani di rosicchiare altri due punti alla capolista, ora a -4 e domenica (ore 14,30 e non 16,30) contro il Siracusa – in terra di Sicilia – sarà fondamentale non perdere per uscire dalle sabbie mobili di una classifica complicata, ma fluida dove ancora c’è un minimo di margine da poter gestire, ma viste le sfide di un certo spessore ormai all’orizzonte (Viterbese, Potenza, Catanzaro, Juve Stabia e Reggina, ndr) sarà bene non steccare di nuovo.

LE SCELTE TATTICHE – Capuano conferma il 3-5-1-1 solito, riproponendo Grillo in mezzo al campo e Mattia in difesa, con Cernigoi in attacco al posto di Gondo. Il Trapani ripropone il 4-3-3 con Ferretti-Evacuo-Tulli lì davanti a caccia dei gol.

LA CRONACA — che il Trapani facesse sul serio, lo si capisce già al 6′ quando sulla punizione di Corapi, Marcone è costretto a deviare sopra la traversa. Al 18′ poi, Brumat salva sulla linea dopo un batti e ribatti in area e al 27′ ancora Corapi chiama nuovamente l’ex portiere del Cuneo all’intervento. Il Rieti esce nel finale di tempo e due volte con Cernigoi mette paura a Dini.

SECONDO TEMPO — In avvio di ripresa Capuano preferisce Xavi a Grillo per guadagnare in dinamismo in mezzo al campo, ma al 13′ il Trapani trova il vantaggio: Tulli inventa e Ferretti in area di sinistro beffa Marcone. Capuano cambia ancora: dentro Gondo e Garofalo, fuori Maistro e Palma, per un 3-5-2 puro necessario per provare a recuperare lo svantaggio. Ma passano 4′ e invece del pari, arriva il raddoppio del Trapani: Brumat atterra Evacuo, l’ex attaccante della Lazio va sul dischetto e con freddezza spiazza Marcone per il 2-0. La partita finisce lì

CAPUANO TUONA — “Al netto della sconfitta – dice Capuano in sala stampa –  quello che non tollero è la sudditanza psicologica di certi arbitri nei confronti di squadre blasonate, che sistematicamente penalizzano quelli come noi. Oltre al rigore, che chi era allo stadio ha potuto giudicare, ha invertito una serie di falli laterali e calci di punizione che non ci hanno permesso di ripartire”.

POCO DA RIMPROVERARE… — Ma nel complesso ha davvero poco da rimproverare alla squadra, che ha perso contro un avversario il cui tasso tecnico non ha bisogno di ulteriori commenti. “Nel primo tempo specialmente – dice Capuano – siamo stati bravi a concedere poco al Trapani, che ci ha provato principalmente con conclusioni da fuori area e se andiamo a vedere, le occasioni più nitide le abbiamo create noi con Cernigoi. Sull’1-0 abbiamo commesso un errore clamoroso, arretrando in area invece di chiudere e Ferretti è stato bravo a piazzarla nell’angolino. Ma nonostante questo eravamo in partita, poi il rigore l’ha chiusa definitivamente”.

… MA INTOLLERANTE — Rigore a parte, durante la partita qualcos’altro ha stizzito Capuano: i personalismi di alcuni elementi. “Detesto chi in mezzo al campo pensa per se e non ragiona di squadra: è una cosa che mi fa letteralmente arrabbiare”.

ITALIANO GONGOLA — Per la 13esima volta esce indenne dal campo, Italiano e i suoi: 9 vittorie e 4 pareggi, una striscia importante che permettono ai granata di restare ad un amen dalla Juve Stabia e sperare ancora nella promozione diretta. Un trend che soddisfa appieno l’ex centrocampista del Verona, il quale a fine gara commenta così il blitz dello “Scopigno”.  “Siamo stati bravi a creare i presupposti per vincere anche questa – afferma – nonostante in trasferta a volte si balbetta. Stasera siamo stati perfetti, riuscendo ad interpretare la gara esattamente come l’avevamo preparata. Con la pazienza e l’autorevolezza che ci contraddistingue dall’inizio della stagione, siamo stati bravi a creare i presupposti per aprirla e chiuderla in pochissimi minuti. Il rigore? Non commento le dichiarazioni di Capuano, chi ha visto la gara si è potuto rendere conto che su Evacuo è stato commesso rigore”.

RIETI-TRAPANI 0-2

RIETI (3-5-2): Marcone; Mattia, Gigli, De Vito; Brumat (dal 41’ s.t. Tiraferri), Grillo (dal 1’ s.t. Venancio), Palma (dal 19’ s.t. Garofalo), Marchi, Zanchi; Maistro (dal 19’ s.t. Gondo), Cernigoi (dal 41’ s.t. Svidercoschi. A disp: D.Costa, Scardala, Tommasone, Gualtieri, Konate, Migliaccio, Delli Carri) All. Capuano.

TRAPANI (4-3-3): Dini; Costa Ferreira, Pagliarulo, Scognamillo, Lomolino (dal 32’ s.t. Joao Silva); Corapi, Taugourdeau, Aloi (dal 37’ s.t. Toscano); Ferretti (dal 41’ s.t. Valenti), Evacuo, Tulli. A disp: Cavalli, Ferrara, Mulè, Tolomello, Mastaj, Girasole. All. Italiano.

ARBITRO: Colombo di Como

RETI: Ferretti (T) al 14’ s.t., Evacuo (T) su rigore al 23’ s.t.

NOTE: Ammoniti Maistro, Scognamillo, Brumat, Marchi. Recupero 1’4’, Angoli 4-2

Marco Ferroni – Npctv.it

Lascia un commento