Promozione, Girone D – Atletico Cervaro, per Fargnoli due pesi e due misure. Così il tecnico a Sportgaetano.it: “Dobbiamo interrompere questo momento”

E′ un momento a dir poco delicato e complicato quello dei ragazzi allenati da Gianni Fargnoli, che stanno faticando a centrare risultati positivi sul campo – con 3 sconfitte e 1 “solo” pareggio nelle ultime 4 giornate – e la cui situazione è  ulteriormente aggravata dalle conseguenze di quanto accaduto nell′infuocato dopo-gara di Atletico Cervaro – Pontinia, con la mano pesante del giudice sportivo che ha condannato i biancoblu a una penalizzazione di 3 punti, multa di 3000 euro e squalifica dello stadio Luigi Canale per 3 mesi.  Fino a poco più di un mese fa si poteva parlare di favola, adesso questa storia sembra aver subito una deviazione che rischia di non portare ad un lieto fine. Infatti, da che la compagine di Fargnoli si trovava in una situazione di classifica tranquilla, adesso è precipitata – complice la pena afflittale – in zona playout. E rialzarsi non sarà semplicissimo; il motivo ce lo spiega direttamente il tecnico.

“Sono botte che ti condizionano” – ha esordito – “perché poi cominci a soffrire un po’ di vittimismo, anche se credo, e me lo auguro, che siano soltanto dei preconcetti. L’allenatore del Pontinia Fabrizio Cencia è un signore, e prima di essere un tecnico è un grande uomo e ha riconosciuto che il gol era caratterizzato da un fuorigioco chilometrico. Aldilà di questo, però, hanno meritato la vittoria. L’obiettivo, il sogno, è quello di raggiungere la quota dei 40 punti. Adesso è cambiato tutto perché questa decisione del giudice sportivo ci ha demoralizzati e destabilizzati. Perché il problema è che se un facinoroso riesce a superare le barriere dell’impianto sportivo e tenta un’aggressione all’arbitro, peraltro sventata grazie all’intervento di due nostri calciatori, e poi la squadra viene penalizzata di 3 punti, si sente in qualche modo defraudata di quello che si è sudato sul campo. Questa è la peggior delusione dell’ambiente, anche perché un comunicato del 10 gennaio vede lo Sgurgola coinvolto in fatti molto più gravi rispetto a quelli accaduti in Atletico Cervaro – Pontinia e si trova 200 euro di multa e qualche squalifica. Bazzecole rispetto a noi. Perciò, veramente, sembra che ci siano due pesi e due misure per fatti che sono addirittura più gravi di altri. In questo momento l’ambiente è destabilizzato e deluso per una decisione che riteniamo oltremodo penalizzante per la squadra, la società e il paese. Infatti abbiamo deciso di agire per vie legali per tutelare i nostri interessi”.

Atletico Cervaro che domenica è tornato in campo e si è fatto rimontare dall′Alatri, perdendo di misura un cruciale scontro salvezza. “Abbiamo giocato un gran primo tempo, dove eravamo in vantaggio meritatamente con un gol di Prisco. Poi dopo la prima ora si sono iniziate a sentire le tossine delle 2 partite in 3 giorni e la squadra è scesa a livello fisico e mentale e da lì sono nati i presupposti per la vittoria degli avversari”. Nuova occasione per rialzarsi con il “redivivo” Monte San Giovanni Campano, contro cui all′andata era maturata la 1° vittoria in Promozione, dando vita alla favola dell′Atletico Cervaro che, però, è andata pian piano dissolvendosi. Potrà essere l′occasione della rinascita per i ragazzi di Fargnoli? “Lo speriamo. Va detto però che il Monte ha cambiato pelle, ha iniziato una rivoluzione con il grande Fabio Gerli che ha vinto due campionati consecutivi con l’Anagni. Viene da una striscia positiva, ha una rosa importante, però l’intento del Cervaro è quello di fare bene e interrompere questo momento”.

Per SportGaetano, Alberto Ciccarelli

Lascia un commento