Promozione, Girone D – Monte San Biagio, Fanelli a Sportgaetano.it punta già il suo passato: “Mistral? Ci giocheremo le nostre carte per espugnare il ‘Riciniello'”

E’ un Monte San Biagio che ha intrapreso la scalata nelle ultime settimane. Due vittorie consecutive per la formazione di La Rocca – che si è imposta con l’Aurora Vodice Sabaudia e, nello scorso turno, al ‘Comunale’ contro un ostico Suio Minturno – hanno permesso ai biancoverdi di riportarsi a ridosso delle posizioni di testa. Cinque, infatti, sono i punti di ritardo dalla capolista Mistral Gaeta: prossima avversaria al Riciniello per un incontro che solo dai presupposti prevede spettacolo. 

Lasciamo il commento a Fabio Fanelli, che domenica non è stato tra i protagonisti dell’incontro, ma siamo sicuri che nella sfida del Riciniello potrà lasciare lo zampino nella sfida dell’ex…

“La squadra ha giocato una buona partita contro un’avversaria scomoda, brava dal centrocampo in su, che lotta e ci ha messo in difficoltà. Siamo stati abili nel trovare il vantaggio con un gran gol di Antimo Fanelli e nello gestire il punteggio. Siamo un gruppo giovane: di over ce ne sono 3 o 4, poi il resto sono tutti giovani. Possiamo essere la mina vagante del torneo. Veniamo da 2 vittorie di fila, in Coppa poi andremo a Ferentino per provare a superare il turno”.

E poi lo sguardo all’incontro di cartello della prossima giornata di campionato (non questa Domenica, visto lo stop del campionato da parte dell′Aia e della Figc). “Contro la Mistral ci giocheremo le nostre carte con la capolista, formazione costruita per vincere. Se dovessimo fare risultato pieno sarebbe un grosso segnale per dire che ci siamo anche noi. Ma la stagione è lunga e ci sono tante partite. Non si sono mai vinti campionati a dicembre e mai sarà così. I cavalli si vedono all’arrivo, e a marzo si iniziano a tirare le somme. Noi siamo ottimisti: veniamo dal pareggio con il Ferentino e dalle vittorie con Sabaudia e Suio. Possiamo giocarcela con tutti, domenica andremo fiduciosi nei nostri mezzi. Non siamo l’ammazzacampionato, ma una squadra costruita bene e con giovani volenterosi di emergere. Proveremo ad espugnare il Riciniello”. Tradizione vuole che le partite contro una vecchia squadra di appartenenza abbiano sempre un sapore particolare; per Fabio Fanelli non è da meno. “Per me è un ritorno al passato e mi è rimasto un bel ricordo: società splendida, il presidente, il ds, tutte brave persone. Ringrazio per la fiducia dopo un’annata difficile, ma credo di averli ripagati con le prestazioni in campo”.

Per Sportgaetano, Alberto Ciccarelli

Lascia un commento