Promozione, Girone C – La Pol. De Rossi blocca il Fonte Meravigliosa. Squadra tenace quella di mister Montella…

Dopo quasi cinquant’anni di storia il De Rossi si affaccia nel suo primo campionato di Promozione, incrociando gli scarpini nella delicatissima trasferta di Ciampino contro la Fonte Meravigliosa, squadra senza dubbio molto attrezzata e di esperienza nella competizione. Il ripescaggio in extremis, le corse per l’assemblaggio di un nuovo roster di qualità, l’inserimento dei nuovi under per la categoria… Tutti ostacoli che lasciavano spazio a molte perplessità alla vigilia di questa partita, nonostante un precampionato costellato di tutte vittorie nelle amichevoli. Diana e Montella si battono il cinque prima della partita, comincia il loro quarto anno consecutivo in quel di San Giovanni in un’avventura che in pochissimo tempo ha permesso alla squadra di passare dalla Seconda Categoria alla Promozione per l’appunto. Ma c’è poco tempo per pensare, anzi proprio non ce n’è e così il mister, considerate diverse defezioni che già affliggono la squadra sin da questa prima uscita, decide di schierare un affidabile 4-4-2 così composto: Vita in porta, Bolletta a destra e Cannone a sinistra in marcatura, Innocenti  e Capitan Perugini al centro della difesa, davanti a loro la cerniera composta da Savaiano e Schiavon con Lalli e Angelucci a presidiare gli esterni, D’Angelo e Di Francesco tandem d’attacco, 6 nuovi elementi su 11! Giornata molto calda allo stadio Fuso di Ciampino, prime immancabili fasi di studio seppur a buona velocità e la prima minaccia la portano i ragazzi della Caffarella con Schiavon che calcia una punizione tagliata a centro area su cui Innocenti prova la girata di testa, palla alta. Passano pochi istanti e stavolta Schiavon si rende pericoloso direttamente da calcio di punizione calciato dai 25 mt, Giorgi in bello stile devia oltre la traversa. Passano un paio di minuti ed ancora De Rossi con D’Angelo che è bravissimo a lavorare una palla sul versante sinistro, si accentra superando in dribbling un paio di difensori e dal limite in posizione centrale spara una gran botta che termina alta. Minuto 15, momento importante per la storia del De Rossi perchè sarà il minuto in cui verrà siglato il primo gol in Promozione. Angolo dalla sinistra, Savaiano riversa al centro una palla arcuata su cui irrompe Perugini che di sinistro la scaravanta violentemente in rete, zero a uno e gioia incontenibile per i reds. La gioia però dura pochissimo perchè dopo appena tre minuti, inaspettatamente la Fonte Meravigliosa trova il pareggio; Angolo regalato sul lato sinistro, calcio sul primo palo nell’area piccola dove viene persa la marcatura di Groos che di testa la gira di potenza in gol, uno a uno. Il gol subìto è una brutta botta e si rischia grosso qualche minuto dopo su una veloce ripartenza del Fonte, salvata con una precisa diagonale difensiva di Bolletta. Schiavon prova a scuotere i suoi innescando con un lungo lancio da sinistra a destra D’Angelo, il bomber la mette giù forse un pò troppo in allungo, tocco arretrato per la proposizione di Lalli che prova il tiro trovando la porta ma non la forza necessaria, parata agevole. Ancora De Rossi intorno alla mezzora, Angelucci s’incunea centralmente e serve sulla corsa lato destro Schiavon, palla tesa in mezzo e Giorgi è attento a tuffarsi e bloccare in presa bassa. Poco dopo è la volta di Di Francesco a provare la via del gol con una punizione dal limite, il tiro a giro però è troppo debole e Giorgi ringrazia. Incredibile quello che avviene nell’azione successiva, uno scellerato passaggio arretrato della difesa laurentina innesca solissimo Di Francesco che ha tutto il tempo di pensare a cosa fare, la punta decide di aggirare il portiere ma nel farlo si allunga troppo la palla sulla destra e permette alla difesa di rinvenire e di neutralizzarlo, occasione davvero clamorosa! I reds provano a spingere forte, Lalli recupera un gran pallone e l’appoggia indietro per Cannone, servizio sulla sinistra  a premiare l’inserimento di Angelucci che la mette forte al centro….D’Angelo non arriva di un soffio con la porta spalancata. Ma non finisce quì la spinta, al 42° gran palla di Di Francesco a sinistra per l’accorrente Lalli, tiro in diagonale su cui stavolta c’è forza ma non precisione, palla a lato. In pieno recupero di primo tempo però sarebbe potuto accadere l’incredibile, ancora un angolo dalla sinistra e ancora un grossolano errore in marcatura, stavolta a staccare da distanza ravvicinata è D’Agostino e la sua conclusione scheggia il palo. Finisce così il primo tempo, una frazione in cui gli uomini di Montella avrebbero meritato senza discussioni il vantaggio ma che per assurdo li avrebbe anche potuti vedere sotto per quelle due amnesie difensive.

Il secondo tempo è di matrice ben diversa, per diversi minuti c’è una gran lotta  a centrocampo ma nessuna delle due contendenti riesce a trovare sbocchi interessanti in avanti, certo anche il caldo faceva la sua parte contro due squadre per cui ovviamente il livello di preparazione atletica non poteva essere ottimale. Addirittura bisogna attendere 25 minuti per vedere una conclusione verso lo specchio della porta ed è ad opera dei padroni di casa con Ragnoli che riesce a chiudere una triangolazione stretta in area e calcia, Vita vola e si oppone alla grande deviando in corner. Questo episodio sembra risvegliare la partita, risposta immediata reds con Angelucci abilissimo ad inserirsi centralmente palla al piede, la difesa si salva in angolo con affanno. Trentunesimo, Savaiano sventaglia sulla destra una gran palla per Moretti che invece di entrare in area si allarga e crossa sul secondo palo per D’Angelo, lo stacco è buono ma la mira no, palla fuori. Qualche minuto dopo, ancora Angelucci pesca in mezzo all’area D’Angelo che cincischia un pò nel controllo e permette al portiere e al suo difensore di intercettarlo, azione potenzialmente molto pericolosa che purtroppo però non si è concretizzata. A cinque minuti dal termine la Fonte Meravigliosa resta in dieci per l’espulsione di Conti, subentrato nella ripresa ma un pò troppo falloso. Ancora due occasioni prima di chiudere, al 48° ancora con una gran giocata di Savaiano che serve ancora Moretti sulla destra che la taglia in mezzo forte, la difesa si salva miracolosamente. All’ultimo assalto poi è Innocenti a provare la gran botta da fuori ma il tiro termina molto alto.

Fare una disamina obiettiva della partita, essendo di parte, non è facile, ma il numero di occasioni create nel corso della partita fanno pendere l’ago della bilancia indiscutibilmente sul De Rossi, reo forse di non aver saputo concretizzare a dovere quanto di buono creato in fase d’attacco. Di contro c’è da dire che la squadra di casa è apparsa molto contratta nel primo tempo e che nel secondo tempo sembrava aver trovato le debite contromisure anche se di fatto non si è quasi mai resa troppo pericolosa. E’ il primo punto nella storia del De Rossi, prendiamocelo per quello che è, il battesimo è andato e non c’è tempo di pensarci più di tanto perchè mercoledì prossimo ce la vedremo in Coppa contro l’Anitrella, una squadra arrivata seconda lo scorso anno in Prima Categoria perdendo una sola partita!!!

Ufficio Stampa Pol. De Rossi

Lascia un commento