Promozione, Girone B – Giardinetti, atteggiamento giusto. Mister Russo: “Vittoria di umiltà e determinazione”

È un successo che sà di umiltà quello ottenuto oggi dal Giardinetti1957 alla prima partita di campionato contro un ostico Fiano Romano. I ragazzi di Mister Marco Russo partono bene quindi alla prima stagionale, continuando la striscia di vittorie consecutive sul proprio terreno di gioco, giunti alla 16° vittoria consecutiva, dopo la trionfale stagione passata. Si decide tutto nel 2T grazie alle reti di Miro Sbraglia e del Bomber Federici, anche oggi a segno.

Primo tempo non spettacolare ma molto combattuto nel quale gli ospiti sono molto aggressivi, applicano un pressing alto che mette in difficoltà i nostri ragazzi in più di una occasione, giocando un calcio molto pratico con continui cambi di gioco. Mister Marco Russo chiede compattezza ai suoi ragazzi e molta attenzione, e piano piano, con il passare dei minuti, si arriva a impossessarsi del centrocampo e di conseguenza delle redini del gioco. Ma è nel 2T che il Giardinetti cambia marcia, grazie anche ai cambi azzeccati, con i quali la squadra riesce a prendere campo, e macinare gioco, con un giro palla finalmente all’altezza delle aspettative del tecnico e cosi arrivano le prime occasioni, campanello di allarme per i nostri avversari, che nulla possono sui due gol e sono costretti ad alzare bandiera bianca. Vittoria costruita con umiltà, sudore e lotta continua su tutti i palloni, senza mai mollare o indietreggiare di un millimetro, e questo ci è piaciuto molto.

Queste le parole del Mister Marco Russo a fine partita: “Vittoria sofferta, raggiunta con umiltà e determinazione. Siamo partiti molto contratti, capibile per l‘esordio in un campionato nuovo per noi, ma chiedevo ai miei di uscire dal torpore nel quale ci trovavamo, lasciando troppo spazio ai nostri avversari, e per il 1t non ci siamo riusciti, ma l’atteggiamento dei miei ragazzi nel totale dei 90 minuti mi ha soddisfatto, soprattutto nel 2t, nel quale ho chiesto ai ragazzi, nello spogliatoio all’intervallo, determinate cose, viste poi in campo. Sovrapposizione dei terzini, ottima l’azione di Panariello sulla sinistra con una discesa coast to coast nel quale gli è mancato solo il gol, ma l’atteggiamento e applicazione messa era quello che chiedevo, come i giocatori subentrati, subito in partita, e avendo una grande varietà di scelta dei cambi, posso sfruttare la stanchezza degli avversari aumentando il nostro tasso tecnico, Bendia ne è un esempio lampante. C’è da lavorare sicuramente, e già domenica ci aspetta una trasferta su un campo difficile. Dobbiamo giocare ogni partita, da qui alla fine del campionato, con la rabbia agonistica guai a distrarsi, la Promozione è diversa dal campionato di Prima Categoria, al primo errore vieni punito”.

Area Comunicazione Giardinetti

Lascia un commento