UFFICIALE Promozione – Vis Sezze, le prime impressioni del nuovo team manager Marteddu: “Possiamo affermarci come protagonisti assoluti”

Una società efficiente e proiettata verso il raggiungimento di traguardi importanti ha bisogno non solo di calciatori che contribuiscano a raccogliere i frutti da ciò che si é seminato. Per acquisire un assetto funzionale alle proprie aspettative c’é bisogno di uno staff attento, competente e in grado di rafforzare il legame tra dirigenti e reparto tecnico: Cristiano Marteddu, nuovo team-manager della Vis Sezze, é la figura dirigenziale in grado di ottemperare a queste esigenze.

Marteddu é un veterano nel ruolo, anche se rivela di aver maturato una certa esperienza in un settore simile, ma abbastanza difforme: «Provengo da un’altra realtà, il futsal (il calcio a cinque). Ho ricoperto il ruolo di direttore sportivo nel Latina, a Rieti e negli ultimi due anni a Pescara, militando sempre in serie A e raggiungendo otto finali nazionali, ovvero due finali scudetto, tre di Coppa Italia, due di Supercoppa, due di Winter Cup e, infine, partecipando alla Uefa Futsal. Con queste società mi sono confrontato con altre società di un certo calibro. Adesso ho fatto una scelta di vita: ho deciso di contattare il presidente Marco Gaeta e ci siamo subito intesi per iniziare questa nuova collaborazione. Devo ammettere che nel mondo del calcio a cinque ci sono dei fattori in gioco per i quali avevo cominciato a perdere ogni interesse. Ho poi notato che il presidente Gaeta possiede la mentalità per poter portare la Vis Sezze verso una crescita tangibile, avendo già lavorato bene negli ultimi anni e, così, non ho più avuto alcun dubbio in merito al mio futuro…»

Marteddu ha le idee chiare su come svolgere il suo lavoro. Crede nell’applicazione e nella dedizione al lavoro, sorretta da una grande passione per lo sport; ma, ancor più di ogni altra inclinazione, sa alla perfezione che i rapporti interpersonali sono alla base di ogni progetto vincente: «Questa per me non é la prima volta come team-manager perché questo ruolo lo avevo già ricoperto anche a Pescara… Tuttavia, anche se stiamo confrontando due realtà differenti, non sono preoccupato. Credo fermamente che un buon team-manager debba svolgere questo ruolo a stretto contatto con il campo, perché bisogna vivere sul campo con il mister, i calciatori e gli altri colleghi, senza starsene rinchiusi in un ufficio, altrimenti si finirebbe col perdere la reale dimensione della situazione. Il team-manager deve vivere quotidianamente la squadra, solo in questo modo può entrare nella testa dei calciatori, instaurare un rapporto di sincera professionalità con loro e operare da filtro tra la squadra stessa e la dirigenza: in questo modo sarà possibile comprendere problemi e assimilare dati comportamenti, informare la dirigenza e proporre iniziative tali che consentano di migliorare di volta in volta la gestione di un gruppo pur composto da numerosi individui». Dopo poco più di due settimane di preparazione in vista della nuova stagione, il nuovo team-manager della Vis Sezze ha ben chiaro il percorso che i calciatori devono seguire per raggiungere obiettivi anche insperati ed elogia senza mezzi termini il lavoro svolto fin qui dal mister e dalla società. Marteddu ostenta convinzione e le sue parole non mostrano alcun sentore di incertezza: «Abbiamo un gruppo unito, solido, anche se sono trascorsi all’incirca venti giorni dall’inizio della preparazione. Grande merito va anche al mister Catanzani e al suo secondo, Mazzarella, che sono riusciti in pochissimo tempo a inculcare nella testa dei ragazzi quelle idee fondamentali che stanno alla base del lavoro che cerchiamo di impostare giorno dopo giorno. Devo ammettere che sono rimasto felicemente sorpreso, perché non pensavo si potesse formare un gruppo così affiatato in così poco tempo; c’é questo senso di protezione dei veterani nei confronti dei più giovani o dei nuovi arrivati che permette al mister di lavorare in maniera più fluida e non ho mai colto espressioni di preoccupazione, di timore o di avvilimento nei nuovi acquisti. La società, a mio avviso, si é mossa accuratamente nel puntellare la rosa, intervenendo per sopperire a quelle defezioni notate nel corso della scorsa stagione; per questo penso che la Vis possa affermarsi come assoluta protagonista nel corso della stagione che sta per iniziare… »

A Cristiano Marteddu non piace fare pronostici. Ma, sul finire dell’intervista, un sorriso sornione tradisce sensazioni tenute ben nascoste: «Certo, sarà sempre il campo a decretare la verità e confermare o smentire queste mie sensazioni ma, nonostante non sia uno a cui piace sentenziare prima che si riesca in qualcosa, mi auguro stavolta di poter dire “io lo avevo detto”!». Non vediamo l’ora di sentircelo dire per davvero.

Area Comunicazione Vis Sezze

Lascia un commento