BONUS EXTRA – Roma, nuovo Stadio nel mirino della Procura: anomalie nel fallimento della Sais?

Il futuro stadio della Roma torna sotto la lente della Procura. A piazzale Clodio come riporta il sito del Messaggero, è stato aperto un fascicolo sui passaggi di proprietà dei terreni dell’ippodromo di Tor di Valle. Al vaglio del pm Mario Dovinola sono finite le procedure che hanno portato il sito, a ridosso dell’Eur, dalla Sais Spa di Umberto e Gaetano Papalia al gruppo di Luca Parnasi con la Eurnova Srl. Ed in particolare il secondo contratto di compravendita dei terreni, definito ‘Atto modificativo dei patti transattivi firmato il 25 giugno del 2013’, che avrebbe stravolto il primo accordo.

Il fascicolo, ancora senza ipotesi di reato, è stato aperto in seguito alla denuncia presentata dal Tavolo della libera urbanistica, un’associazione formata da un gruppo di tecnici per lo più architetti e ingegneri, che promuove il rispetto del territorio e nel caso specifico insinua anomalie nel fallimento della Sais.

Lascia un commento