ESCLUSIVA Promozione, Girone A – Montalto, bomber Vittorini in vista della ripresa del torneo: “Nel girone d’andata molta sfortuna, ora bisogna tornare a far punti”

ESCLUSIVA Promozione, Girone A - Montalto, bomber Vittorini in vista della ripresa del torneo: "Nel girone d'andata molta sfortuna, ora bisogna tornare a far punti"

Nel pomeriggio odierno abbiamo avuto modo di scambiare due chiacchiere con Manuel Vittorini, attaccante del Montalto, squadra che nonostante i 13 gol messi a segno finora dal suo gioiello naviga in acque poco tranquille della graduatoria.

Infatti i gialloblù si trovano momentaneamente invischiati in piena zona playout, in netto contrasto con le aspettative societarie di inizio stagione che volevano la squadra allenata da mister Porciatti in zone decisamente più tranquille, con l’ambizione di poter essere una delle sorprese positive di questo campionato.

Tuttavia la stagione è ancora molto lunga, c’è un intero girone di ritorno da disputare e da qui a Maggio le cose potrebbero cambiare, anche in virtù del fatto che la classifica, soprattutto nelle sue zone medio-basse, continua ad essere davvero corta.

Di questo e di molto altro abbiamo parlato con il prolifico bomber di Casale Monterano, di cui di seguito riportiamo le dichiarazioni a noi rilasciate:

 

Buon pomeriggio Manuel, grazie per il tempo che ci stai concedendo. Da quante stagioni fai parte della rosa del Montalto?

“Salve Roberto e grazie a voi per questa intervista. Questo è il mio primo anno qui a Montalto, è una squadra neopromossa con un buon progetto alle spalle ed ho deciso di sposarlo. La società è seria e abbiamo tutte le intenzioni di disputare un bel campionato, anche se ci sono state diverse difficoltà per noi. Le basi per riuscirci tuttavia non mancano, quindi ce la metteremo tutta per risalire e fare bene”.

 

Quali sono gli obiettivi stagionali della società gialloblù?

“L’obiettivo principale che ci siamo posti ad inizio stagione era quello di mantenere la categoria per poi magari cercare di fare qualcosa in più. Purtroppo ora la classifica dice che ci ritroviamo a lottare per evitare la lotteria dei playout, ma sono fermamente convinto che la squadra non meriti l’attuale posizione occupata, sono molto fiducioso sul fatto che sapremo rialzarci, il campionato è ancora molto lungo, certo che parlare di playoff mi sembra abbastanza utopistico vista la situazione quindi adesso pensiamo prima a salvarci e poi magari si vedrà. Non dimentichiamo che c’è ancora la Coppa Italia, di cui tra 7 giorni disputeremo l’andata degli ottavi di finale, a cui penseremo immediatamente dopo la gara con il San Lorenzo Nuovo. Siamo consapevoli che arrivare in fondo alla Coppa significherebbe salire in Eccellenza, è una competizione alla quale teniamo molto e che cercheremo di non lasciarci sfuggire”.

 

Arrivati ormai al giro di boa del campionato, sei riuscito a farti un’idea concreta su quelle che potrebbero essere le squadre candidate alla vittoria finale?

“Diciamo che guardando la classifica è molto facile intuire quali possano essere le squadre favorite. Sicuramente Ottavia e CPC hanno una marcia in più rispetto alle altre, poi certamente il campionato è lungo, mancano ancora 17 giornate e nel calcio nulla è mai scontato, però ad oggi come principale candidate vedo decisamente loro due con la Compagnia Portuale leggermente favorita a parere mio, anche se la classifica dice che al primo posto c’è l’Ottavia. Poi come outsider vedo bene il Ronciglione United, nostro ultimo avversario prima della sosta natalizia, potrebbe inserirsi nella corsa al primo posto ma nel complesso ribadisco il mio pensiero, cioè che saranno le attuali prime due della classe a giocarsi il salto di categoria, con un leggero vantaggio in favore dei biancorossi”.

 

Tra tutte le formazioni che avete affrontato finora, anche non necessariamente di testa, ce n’è una che ti ha particolarmente impressionato?

“Sì, una squadra che mi è piaciuta particolarmente più delle altre e che gioca davvero un ottimo calcio è il Grifone Gialloverde, dove tra l’altro gioca un mio carissimo amico, Daniele Cifani, che sta disputando un grande campionato e al quale faccio un grande in bocca al lupo. E’ una formazione davvero ben messa in campo, ordinata, ogni giocatore sa che cosa deve fare e lo fanno veramente bene. Anche non essendo tra le primissime sono comunque molto vicini, quindi se devo indicare una squadra che mi ha impressionato molto a livello calcistico, dico assolutamente Grifone Gialloverde”.

 

Nell’ultimo incontro avete subìto una pesante battuta d’arresto ad opera del Ronciglione United, vittorioso tra le mura amiche con il punteggio di 4-1. Nonostante questo la vostra classifica è tutt’altro che compromessa, in quanto le formazioni in lotta per il vostro stesso obiettivo non sono riuscite ad approfittare del vostro passo falso. Domenica prossima, alla ripresa del campionato dopo la pausa natalizia, farete visita al San Lorenzo Nuovo per uno scontro salvezza che, a questo punto del torneo, potrebbe valere doppio in quanto un’eventuale vittoria vi permetterebbe di tirarvi momentaneamente fuori dai guai e mettere qualche prezioso punto di distacco tra voi e la zona playout. Come vi state preparando per questo delicato match?

“Non c’è una preparazione particolare per questa gara. Per noi è sì una partita importante ma come lo era anche quella contro il Ronciglione, dove purtroppo non siamo entrati in campo con il giusto piglio e gli avversari ne hanno approfittato. Per la ripresa delle ostilità la squadra è molto concentrata, come d’altronde lo è sempre stata fin dall’inizio del campionato. Non è bello nel calcio prendersela con degli episodi, però sono effettivamente dell’idea che tutto ciò che poteva girare male, in questo girone d’andata, sia andato male, ma siamo convinti di poter ancora fare bene e cercheremo in tutti i modi di portare a casa una vittoria che sarebbe importante tanto per la nostra classifica, quanto e forse soprattutto per il nostro morale, che bisogna tenere alto da qui fino alla fine del torneo e anche per la gara di Coppa che ci attende la prossima settimana”.

 

Hai particolari ambizioni personali da voler soddisfare entro il termine della stagione?

“Da attaccante mi piacerebbe sicuramente riuscire a realizzare più gol possibili da qui a fine anno, ma l’obiettivo principale resta assolutamente quello di fare bene con la squadra. So che sembra la classica frase fatta, ma sono dell’idea che se la squadra riesce a girare bene, questo può giovare anche al singolo. Quindi spero di fare ancora tanti gol per cercare di portare in alto i colori gialloblù e magari raggiungere il sogno playoff, anche se molto lontano, ma d’altronde sperare non costa nulla. In più vorrei finalmente vincere la Coppa, dato che una volta sono riuscito ad arrivare in finale dovendo poi vedere gli avversari alzare il trofeo”.

 

 

Lascia un commento