Lega Pro, Girone A – La Viterbese chiude l’anno contro l’Arzachena. L’ex Bertotto: “Non mi stupisce vedere la squadra in alto”

La Viterbese chiude oggi il suo anno con l’ultima gara di campionato in casa. Alle 14:30 ospiterà all’Enrico Rocchi l’Arzachena in un match delicato ed importante. Infatti contemporaneamente giocherà il big match tra Siena e Pisa ed un eventuale vittoria gialloblù potrebbe regalare anche il secondo posto in classifica.
Mister Sottili non vuole cali di concentrazione e per cogliere i tre punti chiede una prestazione migliore di quella vista la scorsa settimana contro il Prato.

La rosa disponibile è ampia con le assenze di Pacciardi, Pandolfi e Musacci. Nel suo 4-3-3 Sottili potrebbe mandare in campo questa formazione: Iannarilli in porta; Atanasov e Sini stopper con Varutti e Peverelli terzini; Di Paolantonio regista affiancato da Baldassin e Cenciarelli esterni; Vandeputte e Mendez ali d’attacco con Jefferson punta centrale. Da domani verrà osservata la sosta del campionato fino alla seconda metà di gennaio. Kabashi ha già rescisso il contratto con la Viterbese e si prevede una società attiva sul mercato. (Alessandro Pierini – fonte Tusciatimes.eu)

 

Intanto Valerio Bertotto, dopo essere stato sollevato dall’incarico di allenatore della Viterbese, continua a seguire il campionato da esterno. TuttoC.com lo ha intervistato: “Viterbese? Ho avuto il piacere di costruirla giorno dopo giorno grazie al direttore Luci, con cui ho collaborato in modo egregio. Siamo partiti in ritardo di venti giorni, ma che stia lì non mi stupisce. Sono degli ragazzi d’oro allenati da un ottimo tecnico. Sono orgoglioso perché la scelta degli uomini non si è rivelata errata”.

Lascia un commento