ESCLUSIVA Prima Categoria, Girone F – Atl. Acilia, mister Matrullo fissa gli obiettivi: “Siamo davanti a compagini più attrezzate, girone aperto a qualsiasi soluzione”

Alcuni mesi di assestamento nel corso della passata stagione, una salvezza tranquilla rimediata senza patemi d’animo. La marcia dell’Atletico Acilia, da quando ha preso le redini Alessandro Matrullo, ha subìto una decisa impennata. Quest’anno la formazione biancorossa è in lotta per la Promozione, in un girone abbastanza competitivo. Dietro l’Alberone – club in cui il mister ha maturato esperienza nelle vesti di ds – una schiera di pretendenti è decisa a giocarsi le proprie carte. In esclusiva alla redazione di Lazioingol.it, Matrullo ha raccontato prospettive e tracciato un bilancio di queste prime 12 partite. In via di Saponara questa è una stagione da vivere con ambizione.
Vittoria di misura nell’ultimo turno del 2017 e secondo posto in classifica, al pari della neopromossa terribile De Rossi. Qual è il bilancio dopo 12 giornate? “Sicuramente positivo, considerando che tale piazzamento ci vede al momento sopra a compagini molto più attrezzate di noi, come W3 Roma Team, Nuova virtus, Time Sport Garbatella e leggermente sotto a quella diretta dall’Alberone di patron Centra. Parlo di società che dispongono di un cospicuo budget, a cui noi contrapponiamo sacrificio, lavoro e competenza. Come hai ben detto, è un girone molto equilibrato, in cui si sono alternate varie squadre alla guida, perciò lo ritengo aperto a qualsiasi soluzione. Dico questo considerando la competitività delle squadre citate, senza dimenticare la Polisportiva De Rossi del mio amico Montella”.

Alle spalle della formazione di Centra, una vera e propria bagarre. Nove squadre in 5 punti, ti senti di dichiarare che l’obiettivo dell’Atletico Acilia debba essere la lotta per la Promozione? Il nostro obiettivo è di vincere tutte le partite, cercando di non tralasciare nulla al caso e curare i benché minimi particolari.

Poi sarà il campo ad esser arbitro del destino di tutte le formazioni in competizione”.
Tra poco più di 2 settimane è in cartello l’appuntamento di Grottaferrata. Una sfida non semplice, nonostante l’andamento altalenante dei ragazzi di Vicale..La Vivace Furlani è forse la compagine più difficile che ci poteva capitare alla ripresa, perché è una squadra in salute. Hanno raccolto meno del loro reale valore tecnico e penso che ci siano ancora i margini per un loro inserimento nella bagarre delle squadre di testa. Inoltre hanno perso solo tre partite in meno del mio Atl. Acilia. Una realtà da prender con le molle”.

Lascia un commento