ESCLUSIVA Eccellenza, Girone B – Montespaccato, Teti prova a scuotere la squadra: “Classifica bugiarda, meritiamo di più”

ESCLUSIVA Eccellenza, Girone B – Montespaccato, Teti prova a scuotere la squadra: “ Classifica bugiarda, meritiamo di più”

Nel pomeriggio di oggi abbiamo avuto occasione di sentire le opinioni di Luca Teti, giovane centravanti del Montespaccato, in merito al momento non proprio felice vissuto dalla formazione biancazzurra, in quanto invischiata in piena zona playout.

Con il ragazzo abbiamo avuto modo di parlare anche delle sue impressioni sul campionato in corso, quali siano per lui le formazioni che lotteranno fino alla fine per la promozione in Serie D, e di come la squadra di mister Di Giovanni possa venire fuori dalla difficile situazione nella quale si trova, oltre che delle sue ambizioni personali.

Qui di seguito, ecco riportate le parole dell’attaccante capitolino:

 

Buon pomeriggio Luca e grazie per il tempo che ci stai concedendo. Da quante stagioni giochi con la maglia del Montespaccato?

“Buon pomeriggio a lei. Questa è la mia quarta stagione qui”.

 

Quali sono gli obiettivi del sodalizio capitolino per quanto riguarda la stagione in corso?

“Siamo partiti con l’obiettivo di raggiungere una salvezza tranquilla il più presto possibile”.

 

Riguardo la vostra attuale classifica che vi vede al momento invischiati nella lotta per evitare i playout, giunti ormai quasi al termine del girone d’andata, credi che rispecchi effettivamente il valore mostrato in campo dalla squadra oppure ti saresti aspettato di avere qualche punto in più?

“Diciamo che in qualche partita avremmo meritato sicuramente un risultato più positivo. Naturalmente anche noi abbiamo le nostre colpe, in quanto siamo stati vittima di qualche calo di concentrazione di troppo, ma siamo stati anche molto sfortunati su alcuni episodi. Personalmente credo che avremmo potuto tranquillamente occupare zone di classifica migliori”.

 

A tuo giudizio, quali sono le formazioni più attrezzate per il salto di categoria?

“Credo che il Pomezia in questa prima parte di stagione non sia riuscita ancora a dimostrare appieno tutto il suo valore, ma dalle ultime due o tre uscite sta dimostrando di essere una squadra di un’altra categoria. Poi ci sono squadre come Nuova Florida e Audace, che diranno la loro fino alla fine”.

 

Nell’ultimo turno avete rimediato una brutta sconfitta esterna proprio al cospetto dell’Audace che però, al momento, sembra non aver complicato pesantemente la vostra classifica, complici anche i risultati dagli altri campi. Domani riceverete la visita del Colleferro ultimo in classifica, sulla carta una concreta possibilità per voi di tirarvi fuori dalla zona playout, tuttavia il team colleferrino ha dimostrato in più di un’occasione di essere ancora vivo e si presenterà da voi con l’intenzione di fare risultato per cercare di portarsi fuori dalla zona retrocessione diretta. Quali insidie nasconde questo match e come fare per annullarle, evitando così il rischio di incappare in una nuova dolorosa battuta d’arresto?

“Non ho potuto essere presente nell’ultima gara a causa di un infortunio alla coscia (strappo di 5 cm) rimediato nel corso della partita contro il Formia, ma i miei compagni di squadra ed il mister mi hanno parlato di una partita strana, caratterizzata da diversi episodi. Per quanto riguarda la gara di domani, nonostante la loro classifica, quella del Colleferro è un’ottima squadra, ma noi dobbiamo fare assolutamente in modo che il “Montespaccato” diventi il nostro fortino dove costruire una tranquilla salvezza, cioè l’obiettivo prefissato ad inizio stagione dalla nostra società. Domani per i nostri avversari non dovrà essercene, ed ho piena fiducia nel lavoro fatto svolgere in settimana dal mister e nei miei compagni, che sono sicuro disputeranno un’ottima gara per portare a casa questi tre punti fondamentali”.

 

Ti sei posto qualche particolare traguardo personale da raggiungere entro il termine della stagione?

“L’unico traguardo che penso a raggiungere ora è quello di rientrare il prima possibile in campo, voglio aiutare i miei compagni a raggiungere il nostro obiettivo comune e poi, magari, toglierci qualche altra bella soddisfazione”.

 

 

Lascia un commento