ESCLUSIVA Eccellenza, Girone A – Eretum Monterotondo, parla Giustini: “Rimasto grazie alla fiducia della squadra, la ripagherò sul campo”

ESCLUSIVA Eccellenza, Girone A – Eretum Monterotondo, parla Giustini: “Rimasto grazie alla fiducia della squadra, la ripagherò sul campo”

 

Nella mattinata odierna abbiamo avuto modo di rivolgere alcune domande al giovane difensore dell’Eretum Monterotondo, Edoardo Giustini, con il quale abbiamo discusso dell’andamento della sua compagine in questa prima parte di stagione, che ha visto i gialloblù ben comportarsi e rimanere costantemente nei quartieri alti della classifica.

Il ragazzo ci ha parlato anche di quelle che secondo lui sono le squadre candidate al salto di categoria finale e di quella che l’ha più impressionato favorevolmente dopo averla incontrata, delle sue ambizioni e quelle del team di mister Perrotti per quanto riguarda il prosieguo della stagione.

Queste, le dichiarazioni che ci ha rilasciato il difensore romano :

 

Buongiorno Edoardo, grazie per aver accettato di rispondere alle nostre domande. Da quante stagioni giochi per l’Eretum Monterotondo?

“Buongiorno. Sono all’Eretum dalla scorsa stagione, quindi per me è il secondo anno qui a Monterotondo”.

 

Nei giorni scorsi sembravi destinato a finire tra le fila dell’Audace, ma la trattativa non è più andata in porto. Cos’è stato a farla saltare definitivamente alla fine?

“Avevo necessità di cambiare squadra per dei motivi legati all’orario degli allenamenti ed ero stato contattato dall’Audace, l’idea ed il progetto della società di Genazzano mi attraeva molto ma alla fine, il mister Perrotti e i miei compagni di squadra, mi hanno fatto capire che per loro sono un giocatore molto importante e così ho deciso di restare a Monterotondo”.

 

Quali sono gli obiettivi del sodalizio gialloblù riguardo l’attuale stagione?

“Abbiamo avuto un inizio di stagione sorprendente e siamo riusciti a raccogliere molti punti fino a Novembre, poi essendo andati sempre più avanti in Coppa, giocando così altre partite ed avendo subìto molti infortuni, abbiamo avuto un calo. In questo momento siamo in una buona posizione di classifica, non ci poniamo obiettivi, ma se riusciremo a riprendere la nostra marcia infilando risultati utili con costanza, potremo toglierci molte soddisfazioni”.

 

Il campionato finora si è rivelato molto equilibrato, quali squadre vedi accreditate per la vittoria finale?

“Il Ladispoli è la squadra che mi piace di più, la ritengo la compagine più completa. Sicuramente dovrà vedersela fino alla fine con Crecas, Unipomezia e Vis Artena”.

 

Ce n’è una, anche non necessariamente tra le prime, che ti ha particolarmente impressionato incontrandola?

“Sì mi ha impressionato molto il Tolfa. Vincere da loro è stato molto complicato, conosco bene il loro allenatore, Paolo Caputo, svolge davvero un ottimo lavoro ed infatti la squadra biancorossa è l’unica a giocare sempre palla a terra riuscendo a mettere in difficoltà qualsiasi squadra, sono sicuro che si salverà tranquillamente”.

 

Per quanto riguarda l’Eretum, nell’incontro di ieri avete raccolto un pari casalingo contro il Città di Ciampino, squadra che attualmente occupa la terza piazza in campionato. Ritieni che l’1-1 finale sia stato un risultato giusto oppure si sarebbe potuta portare a casa l’intera posta in palio?

“Sì forse l’1-1 è giusto, anche se abbiamo un po’ di rammarico dato che abbiamo disputato un ottimo primo tempo. Nel secondo tempo è stata invece una partita più equilibrata, ma essendo andati in vantaggio a 15 minuti dalla fine, avremmo dovuto cercare di mantenere l’1-0 con più cattiveria”.

 

Il prossimo turno vi vedrà impegnati nel derby contro il Real Monterotondo Scalo, partita sulla carta alla vostra portata per continuare a stazionare nelle zone nobili della classifica, tuttavia la stracittadina è sempre una gara a sé stante, come si suol dire. Quali sono le insidie che questo match può nascondere?

“I derby sono sempre partite molto complicate, sarà una battaglia e dobbiamo lavorare bene questa settimana per arrivare preparati al meglio sabato”.

 

Hai delle particolari soddisfazioni personali da toglierti nel corso della stagione?

“Personalmente niente in particolare, per me le soddisfazioni di un giocatore passano attraverso i risultati della squadra, quindi spero di continuare a fare bene dando tutto me stesso in ogni allenamento e in ogni partita per aiutare la squadra a raggiungere qualcosa di importante”.

Lascia un commento