ESCLUSIVA Promozione, Girone A – CPC, senti bomber Catracchia: “Qui l’ambiente giusto per il mio riscatto”

Promozione - Girone A, Mauro Catracchia (Compagnia Portuale Civitavecchia): “Qui l’ambiente giusto per il mio riscatto”

Abbiamo intervistato questa mattina l’attaccante della Compagnia Portuale Civitavecchia Mauro Catracchia, con il quale abbiamo parlato degli obiettivi stagionali personali e della compagine civitavecchiese che, dopo l’amara retrocessione dal campionato di Eccellenza dello scorso anno, in questa stagione punta a disputare un campionato di vertice per potervi fare ritorno.

Ecco le parole rilasciate dal bomber romano:

 

Buongiorno Mauro e grazie per aver accettato la nostra intervista. La prima domanda che vorrei rivolgerle è: Da quanto tempo indossi la maglia biancorossa della Compagnia Portuale Civitavecchia?

“Da quest’estate… È la prima stagione con questa maglia”

 Cosa ti ha spinto a sposare il progetto di questa società?

“Mi ha spinto la voglia che sia il Ds che il presidente avevano di riportare questa società in Eccellenza.                      È stata la prima società con cui ho parlato l’estate scorsa e sono stato subito convinto di aver fatto la scelta giusta”.

 

 Al termine della scorsa stagione calcistica la vostra compagine è incappata purtroppo in una sfortunata retrocessione.                                                                                                                                               Con quali motivazioni il gruppo ha iniziato l’attuale campionato di Promozione?

 “Quando si affronta una situazione del genere la cosa importante è ricominciare da quello che di positivo ha lasciato la stagione passata, anche se poi non è andata secondo i piani, e non commettere gli stessi errori che ti hanno portato poi ad una situazione irrimediabile”.

 

 Nell’ultimo incontro di ieri avete ottenuto un pari sul campo del Ronciglione United che vi ha permesso di muovere la classifica e mantenere l’attuale terzo posto. Sei soddisfatto dell’atteggiamento messo in campo dalla squadra?

 “Sono molto soddisfatto dell’atteggiamento di tutti. Qualche tempo fa questa partita l’avremmo persa forse anche con un passivo più pesante ma le cose adesso stanno andando nel verso giusto c’è entusiasmo voglia di lavorare di sacrificarsi l’uno con l’altro e di lottare fino all’ultimo secondo. E questo credo sia merito di tutti partendo dal presidente passando per lo staff tecnico e poi noi  giocatori”.

 

 La compagine civitavecchiese è una realtà molto giovane, nonostante abbia già raggiunto traguardi che la maggior parte delle formazioni dilettantistiche impiegano anni a raggiungere o in alcuni casi non raggiungono affatto. Qual è il segreto dei successi di Questa società?

 “Non so quale sia il segreto…. Ma so che c’è molta voglia di fare le cose per bene e c’è la passione da parte di tutti coloro che lavorano per la CPC di raggiungere quei risultati per i quali si fanno tanti sacrifici durante l’anno”.

 

 Quest’anno la rosa presenta molti giovani calciatori, quale ritieni possa essere la ricetta per mantenere alta la concentrazione fino al termine del torneo?

 “La ricetta credo sia quella di continuare in questo modo… I giovani ascoltano quello che viene detto dal mister e anche da noi più grandi… Siamo noi che dobbiamo farli crescere per fare in modo che ci aiutino a raggiungere i nostri obiettivi”.

 

Da attaccante di razza quale sei, hai particolari ambizioni personali da inseguire nel corso della stagione?

 “Io vengo da una stagione molto particolare nella quale non sono riuscito ad esprimere al meglio le mie qualità…. Quest’anno ho accettato la proposta della CPC perché sapevo che era la soluzione migliore in quanto tutte e due le parti avevano voglia di riscatto… fino ad ora penso di aver dato il mio contributo ma cerco sempre di migliorarmi giorno dopo giorno per me stesso ma soprattutto per aiutare la squadra”.

 

Foto di Alessio De Luca

Lascia un commento