Prima Categoria, Girone F – Altra vittoria per la Pol. De Rossi. Tor de’ Cenci al tappeto e vetta vicina

Il De Rossi non è una squadra formata dai grossi nomi, non è una squadra che può avvalersi di disponibilità economiche, non è una squadra di calciatori d’esperienza ma…sa giocare al calcio, e quando scende in campo prova sempre a farlo col massimo dell’impegno e dell’applicazione. Solo così può spiegarsi l’ennesimo successo che la proietta a ridosso della vetta della classifica (solo due punti), una vittoria venuta al termine di una  gara dispendiosa e difficile, vuoi per il campo che propriamente rendeva difficili le manovre palla a terra, vuoi per un ammirevole Tor de Cenci che ha giocato in modo accorto ma senza disdegnare rapidi e pungenti contropiedi.

Continua il periodo di emergenza per quello che riguarda la rosa di Montella che è costretto a far buon viso a cattivo gioco presentando il suo 4-3-3 con una difesa inedita dove Cannone veniva veicolato a destra, Tortosa a sinistra e la coppia Mustafi-Liviello al centro; centrocampo di qualità con Moretti, Restivo e Angelucci e tridente pesante in attacco formato da Valiante, D’Angelo e Tomassini, oggi Capitano di giornata. Il Tor de Cenci veniva dalla cocente sconfitta subita per mano del Tormarancio e quindi chiamato ad una pronta e convincente prova di riscatto, e ad onor del vero ha fornito una prestazione generosa e ordinata, disputando una gara che forse alla fine sarebbe stato giusto se gli avesse portato almeno un punto.

La partita. Giornata gradevole al S.Francesco di Acilia, padroni di casa in completo verde mentre per il De Rossi “total red”. Si parte alle 11,05 e dopo pochissime fasi di studio la prima insidia la porta D’Angelo che servito da Cannone con un lungo fallo laterale, si destreggia un area e si libera per il tiro, buon tentativo ma con poca forza, Spalletta para facilmente. Il Torde è disposto bene in campo e il De Rossi non riesce a trovare gli spazi giusti anche perchè il ritmo è decisamente lento, all’11° però grande azione “alla mano” che parte con Moretti dal centro, palla allungata a sinistra per Valiante bravissimo ad allungarla ancora sullo stesso lato per Angelucci che se la ritrova piazzata sul destro in piena area, gran botta clamorosamente a lato. Prova ad esercitare un pò di pressione il De Rossi che un paio di minuti dopo prova ancora la conclusione da fuori con D’Angelo, ancora una volta però il tiro è ciabattato e finisce abbondantemente a lato. La più grossa occasione del primo tempo è però per i padroni di casa; Liviello appoggia di ginocchio all’indietro per Vita che non si fida a raccoglierla e calcia da sinistra, di destro, il pallone arriva proprio sui piedi di Bontempi che si ritrova una ghiottissima occasione con la porta spalancata, il capitano rossoverde invece di tirare prova a servire sulla sinistra Taranto che però nel frattempo si era venuto a trovare in off side. Il “brivido” scuote i reds che prendono il pallino del gioco e si rendono pericolosissimi al 21° con Valiante che in seguito ad una pregevole azione personale in area, scaglia un gran destro in diagonale su cui il portiere compie una parata in tuffo molto bella. I locali non riescono a costruire azioni limpide capaci di portarli al tiro, così al 26° è Proietti a provarci da fuori, palla out. Risposta immediata intorno alla mezzora con un bel filtrante di Restivo sulla destra per D’Angelo, la punta resiste ad una carica e si presenta in area, tiro in diagonale ed ancora Spalletta riesce ad opporsi respingendo la sfera, la difesa poi spazza. Sul finire del primo tempo, punizione dal vertice sinistro in favore del Tor de Cenci, Proietti ci prova una prima volta e la barriera respinge, ci prova ancora tirando molto forte ma la palla è fuori. L’ultimo acuto della prima frazione arriva al 46° con Valiante che abilmente riesce a girare di testa una palla vagante in area, Spalletta è attento e blocca in volo plastico. Finisce così il primo tempo, partita equilibrata, corretta ma molto vibrante.

Mister Montella, evidentemente insoddisfatto di quanto espresso nella prima parte del match, richiama i suoi alla massima attenzione e alla ripresa del gioco, dopo pochi secondi,  è ancora Valiante a provare il gran gol con una rovesciata dal limite dell’area ma non inquadra la porta. Nell’azione successiva la partita potrebbe sbloccarsi: rimessa a lunga gittata di Cannone, Valiante la controlla in piena area e cerca di controllarla ma il portiere gli frana addosso e provoca un rigore solare! Sul dischetto il solito cecchino Angelucci ma Spalletta si supera riuscendo a neutralizzare il tiro con la punta del piede, nulla di fatto! Il De Rossi prova ad alzare il ritmo e ad esercitare una maggiore pressione, ne approfitta il Tor de Cenci che riparte velocissimo al 10° lungo l’out di sinistra, cross pericoloso a centro area che Vita respinge di pugno, sulla palla si avventa Proietti che dalla parte destra dell’area tira una gran botta in diagonale, superlativo il portiere della Caffarella nella deviazione in angolo. Scampato il pericolo i reds riprendono il loro gioco, punizione dalla 3/4 sinistra pennellata da Tortosa sulla testa di Tomassini, lo stacco è preciso ma ancora una volta Spalletta si supera nella respinta. I padroni di casa però non stanno a guardare e al 17° è bravissimo Taranto a scendere in slalom in mezzo al campo, arriva al limite e tira, Vita si distende e blocca. Ancora De Rossi due minuti dopo con Valiante che scende imperioso a destra, cross lungo per Moretti che la mette giù, torna indietro e prova il tiro a giro, alto di poco. Col passare dei minuti la lotta a centrocampo si fa sempre più intensa, dal nulla Caligiuri s’inserisce centralmente e tira una gran botta dal limite, fuori non di molto. Mezz’ora di gioco, Tortosa corre lungo la fascia sinistra e affonda, tocco arretrato per Moretti che la indirizza a centro area per la testa di Angelucci, tempestiva l’uscita di pugno di Spalletta che vanifica la minaccia. E siamo al minuto 33, Favetta entrato da pochissimo riceve palla sulla destra lontanissimo dall’area, s’invola come un treno bruciando il diretto difensore e sul tentativo di chiusura del centrale la tocca al centro per l’ormai solissimo Tomassini che deve solo spingerla in rete, onorando comunque la fascia da Capitano che oggi era sul suo braccio, zero a uno!  Manca ancora circa un quarto d’ora più il recupero (alla fine saranno altri 5 minuti) e dobbiamo evidenziare che da questo momento in poi, il De Rossi non riesce più a costruire un’azione degna di nota, preoccupandosi principalmente della gestione della palla, di contro il Tor de Cenci non riesce proprio a creare nulla che possa minimamente impensierire l’undici ospite, per cui al triplice fischio al 95° il risultato resta così inchiodato.

Il De Rossi vince la sua sesta partita stagionale e seppur stringendo i denti si porta a soli 2 punti dall’Alberone, leader del Girone. Come detto in apertura, non può essere quello l’obiettivo di una neopromossa con evidenti gap tecnici e d’esperienza, ma almeno per il momento sognare non l’hanno ancora vietato, per cui finchè continuerà ad esprimersi a questi livelli, quantomeno avrà la convinzione di potersela giocare ad armi  pari contro tutti, anche perchè questo è un girone estremamente equilibrato dove la differenza potrebbero farla i particolari.

 

LE PAGELLE

VITA :  7  Oggi la porta resta inviolata e certamente un bel pezzo di merito sta nellla sua manona destra capace di allungare quel velenoso diagonale nel secondo tempo “Prolunga”

CANNONE: 6,5 Meriterebbe molto di più se consideriamo il sacrificio di giocare nel ruolo di fascia opposta alla sua competenza, tutto sommato se la cava con apparente disinvoltura “Playmobil”

TORTOSA:  7 La sua fascia di competenza dopo la partita necessita di essere rizollata! il suo sinistro tagliato è sempre una bellezza da vedere e anche in fase difensiva molto bene “Trattore”

RESTIVO: 6+ Partita discreta ma al di sotto delle sue potenzialità, specialmente in fase di interdizione si fa trovare spesso troppo distante dal fulcro del centrocampo. La precisione del suo tocco è comunque ammirevole, questo il motivo per cui è lecito aspettarsi si più “Intermittente”

MUSTAFI: 7,5 Poche parole per questo giocatore universale, tutto il reparto prende sicurezza dalle sue giocate, fioretto quando può e sciabola quando serve “Spadaccino”

LIVIELLO: 7,5 Non sbaglia mai! Potrebbe bastare questo come commento, ma se vogliamo dire qualche cosa in più diciamo che un centrale così gli altri non ce l’hanno “The Wall”

MORETTI: 7-  Grande partita di cuore e di testa, qualche volta eccede in giocate ad alto quozione di difficoltà, ma per tutta la partita non si risparmia mai in corsa e lotta “Unpòmeno”

ANGELUCCI: 5,5 Non è stata una gran giornata e non solo per il rigore sbagliato che sicuramente ha influito nella valutazione finale. Nel primo tempo si divora un gol e s’inserisce col contagocce rispetto al solito. “Fuorigiri”

VALIANTE: 7+ e –  Voto strano questo ma i motivi sono diversi; il 7 di partenza è maggiorato per la mole di giocate davvero squisite, il meno per questo dannato gol che dopo tutte queste giornate ancora non è arrivato! “Vulcano”

TOMASSINI: 7 Il gol è un cioccolatino gentilmente offerto dal compagno Favetta, praticamente viene ignorato per tutto il primo tempo ma i suoi scatti tengono in apprensione tutta la retroguardia rossoverde. Potrebbe segnare prima addirittura di testa ma il portiere gli evita la gioia “Captain day”

D’ANGELO: 6,5 che sia un gran giocatore è indiscutibile, che sia un esempio per la squadra pure ma il suo lavoro sarebbe quello di fabbricare gol….e questa purtroppo è una nota dolente, per il resto ennesima buonissima partita. “Finerodaggio”

SOSTITUZIONI

QUADRACCIA (dal 15° st per D’Angelo)  5,5 Entra per dar maggior consistenza al centrocampo ma si era allenato poco in settimana e si è visto. E’ vero di solito non è un gran corridore ma sicuramente in 30 minuti poteva fare molto meglio.

FAVETTA: (dal 27° per Valiante) 7,5  Uomo partita. La giocata che porta al gol-vittoria è un mix di potenza e intelligenza e sopratutto continua a lottare fino alla fine come un vero gladiatore.

DARELLI (dal 37°st per Restivo)  S.V.

PANCALDI ( dal 44 st per Tomassini)  S.V.

A disp.: Cortellesi, Santovito

 

Remo Diana – Ufficio Stampa Pol. De Rossi

 

Lascia un commento