Prima Categoria, Girone D – La Tivoli perde imbattibilità e capitan Lanciano: “Situazione personale da vivere con maggior tranquillità. Lascio un gruppo compatto”

È stata davvero una giornata dura quella di ieri per Damiano Lanciano, difensore centrale e capitano della Tivoli. La sconfitta casalinga contro il Valle Martella che permette agli avversari ed al Palestrina di avvicinarsi, l’infortunio muscolare che ha tenuto il leader arretrato degli amarantoblù. Non solo. A margine del primo passo falso è giunta anche la rivelazione del capitano, che abbandona per motivi personali l’avventura tiburtina. Un arrivederci, non un addio, ma senza una data certa di rientro.

“Quello che mi tiene lontano dal campo è qualcosa di più importante di un infortunio, che necessita la mia presenza fisica e mentale. Per questo cari amici e tifosi della ASD Tivoli Calcio 1919 non mi vedrete più in campo per non so quanto tempo, spero non troppo, almeno da potermi permettere di rientrare quando ancora per il campionato non sarà ancora tutto deciso. Il motivo preciso chi doveva saperlo lo sa, per il resto non la prendete come una mancanza di rispetto, ma come una scelta di riserbo che mi aiuterà a vivere questa situazione quanto meno, nei limiti del possibile, più tranquillo. Ringrazio i miei compagni/AMICI di squadra, il mister, lo staff tecnico e dirigenziale sia vecchio che nuovo, la Tivoli 1919 Crew – Gruppo “Luciano Scintilla” e la Santa Pirateria – Ultras Tivoli 1919 per la vicinanza dimostratami e per il supporto. Lascio un gruppo compatto e sono sicuro di ritrovarlo allo stesso modo, unione di intenti dentro e fuori dal campo fino alla gloria finale.

Per quanto riguarda la sconfitta di ieri, ci sta, o meglio ci può stare, calcolando da cosa è stato viziato il secondo gol subìto. Il pareggio sarebbe stato più giusto, ma va bene ugualmente, vincere sempre era bello ma succede che si perda anche, e allora si fanno i complimenti agli avversari, a qualcuno gli si dovrebbe dare anche uno schiaffo educativo, ma sorvoliamo. Che ci serva da lezione, le sconfitte ti aiutano a crescere, ti riportano con i piedi a terra, il cammino è ancora lungo e comunque anche per questa domenica guardiamo tutti dall’alto. Buona fortuna a voi e buona fortuna a me”.

Lascia un commento