Coppa Lazio Prima Categoria – Ferentino a secco, ci pensa Perugini a lanciare ai Quarti il De Rossi

Il De Rossi ha vinto ed approda fra le migliori otto squadre della Coppa Lazio di Prima Categoria, ed ha vinto con merito contro una squadra che siamo sicuri vedremo presto su ben altri palcoscenici, il Ferentino, una squadre fortissima e compatta in tutti i suoi reparti e composta da giocatori di assoluto livello… Ma adesso si parla di noi, il De Rossi, un manipolo di ragazzi che ha greduto fino in fondo nelle proprie potenzialità e che si è conquistato una qualificazione che era sinceramente difficile da pronosticare. Non è casualità, non è fortuna, il De Rossi ha cercato di sfruttare al meglio quelle che sono le sue peculiarità, agilità. tenacia e soprattutto tanta tanta applicazione, perche i giocatori ammirati oggi in campo sono stati davvero… SQUADRA! Montella e Diana (oggi al suo esordio in panchina per la squalifica del Mister titolare) hanno preparato la partita nei minimi dettagli, rielaborando quella giocata all’andata e proiettandosi su quella da disputare, schierando uno spregiudicato 4-3-3 per cercare di sorprendere i propri avversari ma soprattuto per andare a prendere alti i loro esterni che tanto ci avevano fatto soffrire, facendo contemporaneamente di necessità virtù per sopperire alle emergenze difensive. Vita in porta, Perugini a DESTRA, Marconato all’esordio a sinistra e coppia dei centrali formata da Mustafi e Liviello, Papaleo al centro del campo con Tortosa e Angelucci da intermedi, tridente d’attacco formato da da Tomassini, Darelli (anch’egli all’esordio da titolare) e Moretti come falso nueve, insomma un tridente agile e scattante in grado di mettere in difficoltà l’esperta difesa frusinate.

La cronaca (per cui si ringrazia la preziosa collaborazione di Fabio Vitale). Subito brividi per il De Rossi, punizione dal limite per il Ferentino, botta secca che scheggia il palo. Stavolta però non ci schiacciamo e rispondiamo un paio di minuti più tardi con una conclusione di Moretti parata facilmente. Undicesimo minuto, spingono ancora gli ospiti che riversano in area dalla sinistra un cross pericolosissimo, Vita esce e smanaccia, la difesa libera. Ripartono i padroni di casa qualche minuto dopo con Moretti che innesca un ispiratissimo Tomassini sulla fascia destra, gran giocata e rientro al centro, botta di sinistro e palo pieno, sul rimbalzo si avventa Angelucci in rovesciata che coglie in pieno una clamorosa traversa, l’azione prosegue ancora ed è Darelli che stavolta viene a trovarsi in posizione di sparo ma il suo tiro non inquadra la porta. La partita vive di botta e risposta, ancora Ferentino che prova una conclusione al 20° che termina a lato controllata da Vita e poi un paio di minuti più tardi con una rapida ripartenza interrotta dall’arbitro per una dubbia posizione di off-side. Nell’azione successiva è Darelli a volare sulla fascia destra, servizio centrale per Moretti al centro ma la difesa riesce in qualche modo ad intercettarlo. La lotta a centrocampo è veemente, riparte veloce il Ferentino alla mezzora ma è lucidissimo Vita nell’uscita bassa per catturare la sfera e chiudere l’azione. La risposta sta in un cross proveniente da destra di Perugini per Tomassini, la difesa però è ancora attententissima e lo anticipa di un soffio. IL finale di tempo è tutto di marca degli uomini di casa, prima occasione per Angelucci che imbeccato da Perugini non indovina la parte su cui girarsi e vanifica e poi allo scadere ancora con Moretti che tira una gran bordata dal limite, palla a lato non di molto. Sul finale di tempo poi Marconato rimedia una gran botta che lo costrige ad uscire, per cui nel secondo tempo si muovono di nuovo le pedine in campo, arretrando Tortosa, spostando Papaleo sulla sinistra e inserendo Restivo al centro.

Si riparte ancora con un pericolo ferentinese, Perugini va alla battuta di un fallo laterale ma la palla scivolosa termina su un avversario, tiro immediato, Vita intercetta. La squadra ospite è rientrata a mille dagli spogliatoi e nei primi minuti prova ad infilare con lanci in profondità che per due volte consecutivamente vengono fermati dall’arbitro per posizione irregolare (chiamate giuste ma rischi potenziali), Al 6° minuto Tortosa si becca un pestone davanti la sua area ma il direttore di gara non se ne accorge, l’azione continua ma Vita oggi è attentissimo e cattura ancora la palla. La lotta si fa sempre più intensa e spigolosa ed anche Papaleo al 12° è costretto ad abbandonare la partita per un guaio muscolare lasciando spazio a Valiante e poco dopo esce anche Darelli per far spazio a Quadraccia. Il De Rossi sembra un pò in sofferenza, minuto 14 slalom del 18 che arriva al tiro, miracoloso Tortosa nell’impattargli la conclusione in angolo, sugli sviluppi del quale è ancora bravissimo Vita a sbrogliare con un intervento in tuffo. Poco dopo è ancora il 18 a rendersi pericoloso innescato sulla sinistra, ma il suo tentativo di pallonetto viene capito dal portierone dell’Appio che arretra di due passi e blocca il pallone in presa alta. Il Ferentino vorrebbe chiudere la partita e ne ha occasione al 18° con una punizione centralissima calciata molto bene a fil di palo, grandissimo ancora una volta Vita nel deviare in angolo con un gran balzo. La velocità espressa nel primo tempo sembra non riuscire ala squadra di casa che al 22° rischia ancora su un pericoloso appoggio arretrato di Liviello sul quale per pochissimo non s’inserisce la punta avversaria. Alla mezzora nuovo cambio nelle fila rossoblù, dentro D’Angelo e fuori Moretti, con un cambio repentino di modulo che passa ad un 4-4-2 con Valiante e D’angelo terminali d’attacco. La mossa tattica per fortuna o sagacia ottiene la svolta della partita, la lotta a centrocampo si fa più equilibrata e il Ferentino retrocede il baricentro, ne approfittano subito i locali conquistando una interessantissima punizioni davanti l’area; 34° tutti si aspettano il tiro di Quadraccia ma invece viene eseguito uno schema, Tortosa è una freccia a scendere sulla destra ed è servito sulla corsa, palla tagliata al centro su cui si avventano prima Tomassini e poi Perugini che appostato sul secondo palo, da due passi la spara in rete, uno a zero! Piccola annotazione, cross da destra del terzino sinistro e gol da sinistra del terzino destro…tanta roba! Gli ultimi dieci minuti diventano una battaglia col Ferentino che prova in tutti i modi a riversarsi nell’area avversa ma con poco costrutto mentre il De Rossi palesemente galvanizzato lotta su tutti i palloni con ritrovata energia. Segnaliamo nel finale due grossi pericoli, prima una mischia in area conclusa in rete dal Ferentino ma da una evidente posizione di fuorigioco per cui viene annullata e poi un fantastico salvataggio di Mustafi su un tiro dal limite che sembrava a botta sicura, grandissima prestazione del centrale rossoblù. Sei minuti di recupero e triplice fischio dell’arbitro, il De Rossi vince e si qualifica ai quarti di finale di Coppa! Non ci sono molte considerazioni da fare, in fondo non si è ancora vinto nulla ma io una cosa voglio e devo scriverla, oggi abbiamo vinto contro una grande squadra giocando col cuore e soprattutto con la testa, questa è una constatazione importantissima per il proseguimento della stagione perchè è vero che siamo molto giovani come rosa ma stiamo cominciando a capire che non siamo degli sprovveduti e l’esperienza la costruiremo sulle vittorie.

LE PAGELLE

VITA : 8 Stesso voto dell’andata e soprattutto stessa grandissima prestazione, tiene a galla la barca quando il mare è in tempesta e la conduce fino in porto. “Timoniere”
PERUGINI: 7,5 E con questo ruolo….il Capitano la linea difensiva l’ha fatta tutta! Secondo gol in quattro giorni ed ennesima grande, grandissima prestazione. “Goleador”
MARCONATO: 7 Esordire contro una squadra dal così alto coefficente di difficoltà non è da tutti. Youri nonostante i pochissimi allenamenti è come se avesse giocato da sempre e se non fosse stato costretto ad uscire per infortunio avrebbe giocato per 90 minuti. “Cuore grande”
PAPALEO: 7+ Nel primo tempo contiene e soprattuto imposta con velocità di pensiero e di esecuzione, anche lui costretto alla resa solo per infortunio “Svarosky”
MUSTAFI: 9 Non ce ne voglia nessuno ma la prestazione di Florim è stata semplicemente mastodontica, grinta e classe allo stato puro. “Mammuth”
LIVIELLO: 7+ Cambiano i partner di reparto ma il suo spirito di adattamento è unico. Oggi ha lottato contro attaccanti fortissimi e di esperienza ma lui ha sigillato a dovere. “Saratoga”
TORTOSA: 8 Giocatore universale, i vari ruoli che ricopre durante la partita non lo fanno mai scendere di tono e soprattutto d’intensità. “Transformer”
ANGELUCCI: 7 Ritorna al suo antico ruolo e …..non l’ha dimenticato! Grande proposizione ed anche aiuto su quella fascia di destra che tanto ci aveva fatto soffrire alla gara d’andata. “Elegancy”
MORETTI : 7+ Anche per lui replico il voto dell’andata anche perchè il suo gol in quel di Ferentino è della stessa importanza di quello di oggi di Perugini, bravissimo nell’interpretazione del ruolo e soprattutto generoso. “Falso nueve, Vero Talento”
TOMASSINI: 7,5 Se il palo non gli avesse negato la gioia del gol nel primo tempo, avrebbe sigòato uno dei gol più belli del De Rossi. Grande lavoro comunque sia in fase offensiva che in fase difensiva, una vera punta esterna totale. “Goblin della Caffarella”
DARELLI: 7+ Grande partita! ha macinato chilometri sulla fascia e nonostante non sia stato molto servito si da un gran da fare e si fa notare per allunghi davvero perentori.
SOSTITUZIONI
RESTIVO (dal 1° st per Marconato) 7 Sostanza, quello che ci vuole in partite come queste, anche un paio di spunti di classe bilanciati da un paio di piccole sbavature centrali, prova più che convincente,
VALIANTE (dal 11° st per Papaleo) : 6,5 Entra in una fase delicatissima e nonostante tocchi pochissimi palloni la sua voglia di lottare è più che evidente
QUADRACCIA (dal 15° st per Darelli) : 6,5 La sua entrata non è passata inosservata ed ha il gran merito che per UNA VOLTA esegue lo schema che ci ha portato al gol rinunciamdo al tentativo di tiro.
D’ANGELO (dal 30° st per Moretti) : 6 “El talisman” entra e la squadra segna! E’ un gran professionista, a prescindere da quando entra da sempre il massimo e la squadra lo sente.
CAFASSO (dal 40° st per Tomassini) S.V.
A disp.: Di Gregorio, Tulli

Lascia un commento