LEGA CALCIO A 8 – Poker Multietna, esordio da sogno per Muzzi & Co.


Sul prato di Sportcity reso bagnato e scivoloso dall’improvvisa pioggia caduta prima della gara, Multietna e Partizan Degrado si affrontano nella prima di campionato con la volontà di iniziare la stagione a vele spiegate. C’è una stagione da riscattare da parte dei padroni di casa dopo le deludenti prestazioni della passata stagione, e la curiosità della squadra ospite di capire la condizione di un gruppo ampiamente rivoluzionato.

UNO, DUE, TRE …MUZZI C’E! I calciatori del Partizan, oggi scesi in campo con il tradizionale completo totalmente nero, devono aver pensato che la festa di Halloween da poco trascorsa, dovesse aver lasciato qualche strascico. Effettivamente è ciò che abbiamo creduto anche noi quando ci siamo accorti che al “mostro” Muzzi non era ancora passata la voglia di imperversare di qua e di la per il campo terrorizzando a più non posso la malcapitata retroguardia del Partizan. Chissà per quanto tempo Cira e company avranno ancora gli incubi. E chissà, soprattutto, quanto sarà entusiasta la nascente Rappresentativa di poter contare in seguito su un bomber di razza di questo livello. Tre gol contornati da tante altre occasioni di cui sinceramente avevamo perso il conto.

RESURREZIONE MULTIETNA? A parte il campo scivoloso che nei primi minuti dell’incontro aveva creato qualche problema di assetto ai 16 in campo, nel primo tempo si è assistito ad un vero e proprio crescendo da parte della squadra di casa. A parte lo stratosferico Muzzi, a convincere è stata tutta la squadra della Multietna. Senza poter contare su possibili sostituzioni dal momento che ieri sera non erano presenti riserve a disposizione, gli otto scesi in campo hanno dato tutto, esibendo una prova di grande volontà e voglia di stupire in primis, condita da una convincente prova tecnica e belle giocate. Non bisogna dimenticare che nella passata stagione chiusero all’ultimo posto il girone con oltre settanta gol subiti, ed è forse per questo che la prova e il successo contro il Partizan ci ha colpito parecchio. Dal campionato avremo in seguito le indicazioni se un effettiva rinascita sia in corso. Per ora Petetta e compagni fanno bene a godersi la vittoria.

Lascia un commento