Promozione, Girone A – Ottavia, il preparatore atletico Federici svela: “Mister Porcelli mi aveva chiesto una partenza lanciata…”

L’Ottavia corre, in campo e fuori. A mettere benzina nel motore del club biancoblu ci pensa Mirko Federici, preparatore atletico incaricato di seguire prima squadra e settore giovanile. Due mondi profondamente diversi ma a cui Federici si è approcciato con la stessa professionalità: “Ovviamente c’è differenza, mentre con una prima squadra si lavora con giocatori già formati i ragazzi vanno seguiti in maniera più particolare cercando di migliorare quelle caratteristiche che non hanno ancora sviluppato”. Differenze che però non gli hanno impedito di elaborare un intenso e dettagliato piano di lavoro: “Ci alleniamo con il pallone che deve essere sempre presente per migliorare la tecnica dei ragazzi ma anche i cosiddetti lavori a secco con cui, nelle tre sedute settimanali, andiamo a migliorare la capacità aerobica, la resistenza e la forza. Aspetti che poi intensificheremo nel periodo di dicembre e gennaio durante il richiamo di preparazione”.

Gli sforzi non mancano nemmeno con la prima squadra. Nel campionato di Promozione, l’Ottavia del tecnico Porcelli sta volando ed è attualmente seconda ad un punto dalla coppia di testa formata da Ronciglione United e Città di Cerveteri: “E’ il quinto ano che lavoro con mister Porcelli e ormai ci capiamo al volo. Mi aveva chiesto una partenza lanciata e così abbiamo stilato un programma di lavoro che prevedesse una preparazione con carichi di lavoro più leggeri per poter essere brillanti sin da subito. Siamo secondi e l’unica squadra imbattuta nel girone. Direi che probabilmente abbiamo centrato l’obiettivo”. Ma come si ottengono simili risultati? Federici non ha dubbi: “Lavoriamo molto sulla prevenzione degli infortuni e il tempo ci sta dando ragione. Poi, personalmente, studio per tutto il mese piano di lavoro cercando di creare allenamenti sempre diversi. Dare continuamente nuovi stimoli ai giocatori è fondamentale”.

Area Comunicazione Ottavia

Lascia un commento