ESCLUSIVA Eccellenza, Girone B – Aria rarefatta di vertice per la Virtus Nettuno Lido. Il ds Zenga: “Bella atmosfera, punti fondamentali per un torneo sereno”

Il Pomezia riceve in pomeridiana il Latina Scalo Sermoneta di mister Gesmundo per provare ad accorciare il gap dal vertice. Vertice che al momento è proprietà privata della Virtus Nettuno Lido. Giovane, frizzante e spensierata, la compagine biancazzurra è la realtà più bella di questo primo scorcio di campionato. La formazione allenata da Aldo panicci è passata in cassa anche domenica, contro la Cavese. I tre punti hanno fatto felice l’intero ambiente, ma il direttore sportivo Guido Zenga cerca di mantenere i piedi per terra. E ci riesce. La partenza sprint, l’entusiasmo ed il gioco che decolla. Ingredienti che il ds benedice – in esclusiva ai microfoni di Lazioingol.it – e conta di mantenere nel prossimo turno – sfidante il Play Eur – e nel prosieguo della stagione.
Il Pomezia arriverà, ma intanto sopra di tutti c’è la Virtus Nettuno Lido. Scontato chiederti se avresti immaginato di trovarti al comando dopo poco più di un mese di calcio giocato… “Siamo molto contenti per questa partenza sprint, merito di un grande lavoro di mister Panicci. Non dimentichiamo che stiamo giocando tutte le partite con sette under. Ce la godiamo per adesso, consapevoli che questi sono punti importanti per affrontare un campionato sereno”.
I tre punti incamerati domenica contro la Cavese sono arrivati con il minimo scarto. Che gara è stata? “Domenica è stata davvero una gara tosta ed equilibrata. Magari se l’avessimo sbloccata su rigore dopo 10 minuti sarebbe stata più semplice. Ma devo fare i complimenti ai miei ragazzi, hanno voluto la vittoria a tutti i costi e l’hanno centrata, anche grazie ad un super Bolletta, che ha parato il secondo rigore consecutivo”.
Giocatori di talento alla corte di mister Panicci ce ne sono. Ma l’impressione è che sia la forza del gruppo a trascinare la comitiva lidense così in alto… “Hai detto bene. Abbiamo 4-5 ragazzi ‘grandi’ che stanno trascinando i giovani nella giusta maniera. C è un gruppo ed un’atmosfera molto bella. Questo grazie anche alla società e al presidente Mauro, che ci tiene particolarmente a fare un grande lavoro”.
Delle squadre sinora affrontate chi ti ha impressionato di più? “Ad oggi la squadra che mi ha impressionato di più è il Montespaccato. Davvero una gran bella squadra, un gruppo solido e storico, ben guidato da Mister Di Giovanni. Sono sicuro che faranno bene. Inutile comunque menzionare il Pomezia… Secondo me vincerà il campionato con 5-6 giornate di anticipo”.
L’avversaria di domenica prossima, il Play Eur, è partito a rilento. Hai timore che la formazione di Scarfini possa imprimere un cambio di tendenza proprio nel prossimo turno? “Il Play Eur, inizialmente, veniva data come una delle possibili outsider e secondo me lo è ancora. Hanno preso Daniele Scarfini da qualche giorno e sono sicuro che hanno fatto la scelta giusta. Conosco Daniele, ho avuto la fortuna di giocarci insieme e successivamente essere allenato da lui. È un grande professionista, gli auguro il meglio… Naturalmente da lunedi prossimo…”.
Piccolo quesito provocatorio. Hai goduto domenica nel sorpassare la Nuova Florida, stoppata da un Arce tosto? “A Nuova Florida, a prescindere da quanto successo, ho tuttora un grandissimo rapporto con tutti. Per noi, ripeto, questi sono punti fondamentali per intraprendere un certo tipo di campionato. Nessun rancore con loro, ci mancherebbe”.

Lascia un commento