Eccellenza, Girone A – Monte Grotte Celoni, patron Piervincenzi chiude la questione Forti: “A me le bugie non piacciono, si è dimenticato di dire alcune cose…”

Non è tardata ad arrivare la controreplica del numero 1 del Monte Grotte Celoni Emilio Piervincenzi. Questo le precisazioni del Presidente apparse su Facebook, a perorare la propria causa dinanzi alla fine del rapporto di lavoro con mister Marco Forti:

“Il signor Forti dimentica di dire alcune cose:
1 – mai, e dico mai, mi aveva evidenziato la sua perplessità sulla decisione di firmare o meno come tecnico della prima squadra – la decisione di non scendere in panchina nella prima giornata l’ha decisa il mercoledì precedente;
2 – a fine primo tempo egli non si è nemmeno degnato di scendere negli spogliatoi per dare qualche consiglio, decidere una sostituzione o altro. io so perché ma è talmente grave quel che ha fatto che preferisco tacere);
3 – credo che il signor Forti la partita non l’abbia nemmeno vista, dal momento che il martedì si è lamentato di una sostituzione che non era stata fatta e che lui aveva letto sul tabellino del Corsport!; il medesimo martedì si era permesso di dire allo spogliatoio che la società non gli aveva messo a disposizione i giocatori che lui voleva! Lo avrei fatto volentieri, se solo lui me ne avesse indicato almeno uno! E invece si è limitato a portarsi appresso tre o quattro giocatori di prima categoria… Che io ho mandato via insieme ad altri da me e dal ds Ventura considerati non al’altezza; il signor Forti ha dimenticato di dire che in una amichevole precampionato aveva preso otto (8) gol dal Lepanto e 5 dal Frascati Promozione… Insomma, siccome come tutti ormai sanno nell’ambiente a me le bugie non piacciono, credo che il signor Forti faccia bene a tacere da ora in poi. Il silenzio in questi casi è veramente d’oro!”.

Lascia un commento