Eccellenza, Girone A – Città di Ciampino, mister Granieri ha carte da opporre all’UniPomezia: “Anch’io ho giocatori importanti. Dispiace per il lungo stop di Porcacchia”

Parole di chi ha in mente un determinato obiettivo, non scontate. Piace l’analisi del tecnico del Città di Ciampino Mirko Granieri, perché schietta. Non si nasconde, neanche dietro il prossimo ostacolo, quell’UniPomezia additata dagli addetti ai lavori come favorita prima nel lotto delle pretendenti del girone A. Dopo il pari con la PC Tor Sapienza, che proietta il City comunque nei quartieri altissimi della graduatoria, l’ex coach di Vis Artena e Real Monterotondo Scalo ha parlato dinanzi ai microfoni de Ilmessaggero.it:

 

«E’ vero che abbiamo affrontato una squadra con dei valori difensivi importanti e un portiere, Trinchera, che è stato bravissimo a negarci il gol. Ma io davanti dalla mia squadra mi aspetto più cinismo. Mi dispiace dover affrontare questo impegno senza Porcacchia, che resterà a lungo fermo per la frattura del quinto metatarso. Danilo è un calciatore importante per noi, uno dei leader, che ha stretto i denti per giocare. Si è rivelato importantissimo per noi, ma mi dispiace soprattutto per lui, che soffre molto per questa situazione. Peccato, si era integrato benissimo negli schemi tattici, diventando subito un grosso punto di riferimento per la squadra. Sarà una partita difficile, inutile sottolinearlo. Conosco Cangiano, perché l’ho affrontato tante volte; le sue squadre giocano bene e l’Unipomezia è la candidata di tutti a vincere. Ma noi abbiamo le nostre carte da giocare. Ho una fiducia illimitata nelle potenzialità dei miei ragazzi, che non mollano mai e si giocheranno fino in fondo le loro carte senza nessun timore reverenziale, perché anche io ho dei giocatori importanti».

Lascia un commento