Promozione, Girone B – Troppo Vicovaro per il Cantalupo, Vicalvi può sorridere

Due gare casalinghe e due vittorie schiaccianti per il Vicovaro. Non particolarmente nel punteggio, piuttosto nell’andamento dei 90′. Dopo il Licenza (2-0), è il turno del Cantalupo di capitolare al cospetto dell’undici di Vicalvi, che per l’occasione alza la qualità in attacco, proponendo Rosi dietro Mario Neri e rinunciando al classico regista davanti alla difesa. L’episodio che sblocca la gara a metà primo tempo è il fallo da rigore – tocco di mano in area – che permette al Coco Neri di spiazzare dagli undici metri il portiere e far scoccare il coro dalla tribuna. Messa in discesa, la partita si incanala repentinamente sui binari arancioverdi: proprio Rosi – all’esordio stagionale – riceve lo smarcante di Grassi e disegna un arcobaleno che s’infila sotto al sette, dopo aver baciato la parte bassa della traversa. È un monologo. La terza rete porta la firma di Marco Grassi, che si mette in proprio e capitalizza al meglio la discesa sulla destra del giovane Porzio.

Nel secondo tempo – a risultato acquisito – il Vicovaro cerca di gestire e abbassa di una tacca il livello di concentrazione. Due leggerezze difensive permettono ai sabini di accorciare con De Cicco prima e di sfiorare poi il 3-2 con lo stesso centravanti, ma Maiorani si oppone. Il Vicovaro torna sul pezzo e negli ultimi 20 minuti produce occasioni da gol in quantità industriale. Niro – subentrato nella prima frazione di gioco all’infortunato Rosi e partecipe sin da subito alla manovra degli uomini di Vicalvi – salta il portiere e da posizione defilata coglie l’incrocio. In fotocopia Kanté – altro match sontuoso il suo -, incrocio. Poi è Carlo Maiorani a sfiorare il gol ed ancora Niro a botta sicura vede ribattuto il suo fendente sulla linea. Il 4-1 arriva, ma la torre di Kanté finalizzata in rete da Botti è erroneamente segnalata in offside. Se Villalba, Vis Subiaco e Pro Roma squillano, il Vicovaro risponde. Per il Cantalupo c’è da lavorare a testa bassa, contro il Cantalice tra una settimana l’occasione per iniziare a muovere la classifica.

Massimiliano Martino

Lascia un commento