Giovanissimi Regionali – Frascati, i ragazzi di mister Orlandi oggetto di studio. Prof Perroni: “La finalità è far rendere al meglio in performance”

I Giovanissimi Regionali del Frascati diventano “materia” di ricerca universitaria. In occasione dei primi due giorni di preparazione, infatti, il gruppo guidato da coach Leonardo Orlandi è stato al centro del progetto di finanziato dall’Università degli Studi di Torino, Scienze Motorie, in collaborazione con il gruppo di ricerca dell’Università di Roma Foro Italico, Università La Sapienza e Ospedale Sant’Andrea di Roma. L’obiettivo, misurare l’incidenza dei diversi carichi di lavoro sulla crescita del giovane atleta.

“E’ evidente la diversità tra etàcronologica e età biologica del singolo calciatoreha spiegato Fabrizio Perroni, prof. dell’Università degli studi di Torino e preparatore atletico professionistaquindi  la finalità è riuscire a quantificare il carico di lavoro ‘ideale’ per rendere meglio in performance e non avere ripercussione sulla vita futura. Per farlo, abbiamo misurato una serie di parametri: la parte ecografica, con la valutazione dello stato dei tendini rotulei e dei tendini di Achille a inizio e fine preparazione, a inizio e fine campionato, la forza esplosiva degli arti inferiori, i test sui 10 metri e sui 30 metri con cambi di direzione, oltre a un questionario con l’indicazione dello stato puberale e altri test di resistenza. Ci sono velocità di crescita non regolari – continua Perroni – 20 giocatori hanno 20 velocità di crescita diverse e strutture diverse e dobbiamo sfruttare i dati in nostro possesso, allenando i ragazzi in base a quei determinati parametri. Se un ragazzo è predisposto ad aumentare la sua forza fisica lo dobbiamo allenare per migliorarlo rispetto a quel soggetto che non ha ancora capacità ormonali, neurologiche e muscolari per poter accrescere la sua forza muscolare in quel preciso momento”.

La società ringrazia l’intero staff di ricerca (Fabrizio Perroni, Univ. Studi Di Torino; Lorenzo Innocenti, Univ. Foro Italico; Mario Vetrano, Univ. La Sapienza/Ospedale Sant’Andrea; Andrea Bruno; Andrea Massimiani) e il ds Gianni Santorelli ed esprime tutto il proprio orgoglio per aver preso parte al progetto.

Ufficio Stampa Frascati

Lascia un commento