Serie D, Girone G – Rieti, la regola sui ripescaggi rischia di essere penalizzante

Sembrano sfumare per il Rieti le speranze di ripescaggio. Infatti, il Consiglio Federale della Figc ha stabilito che non potranno beneficiare del salto di categoria “ad honorem” quelle squadre che siano state ripescate almeno una volta negli ultimi 5 anni. Il che mette automaticamente fuori il club amarantoceleste, ripescato tre anni fa dall’Eccellenza alla serie D. Questo, almeno, se non subentreranno indicazioni nuove nell’interpretazione della norma.

Ma al di là di quale sarà il campionato in cui si cimenterà il prossimo anno il Rieti, c’è un fattore che più di qualsiasi altro, ha la precedenza sul resto: la solidità di una proprietà che finora ha lavorato col principio di non fare mai il passo più lungo della gamba, una politica che alla distanza paga sempre e che anche stavolta “rischia” di rivelarsi la condizione determinante per garantire al Fc Rieti un futuro di assoluto livello. Intanto martedì la squadra si ritroverà nuovamente allo “Scopigno” per quello che con ogni probabilità sarà l’ultimo allenamento della stagione, o meglio, il pretesto per rivedersi ancora una volta prima dei saluti: alcuni di loro il prossimo anno saranno sicuramente altrove, altri di sicuro resteranno ancora in amarantoceleste, ma al di là dei destini futuri, quanto fatto da luglio ad oggi difficilmente verrà dimenticato da ciascuno di loro.

Corrieredirieti.corr.it

Lascia un commento