Promozione, Girone C – Team Nuova Florida in Eccellenza, incontenibile il vice Celli: “Grazie a tutti, il mio cuore è biancorosso!”

A briglia sciolta. La penna corre, la mente viaggia, probabilmente anche una lacrima scende a rigare la guancia, terminando però la propria corsa su un sorriso sognante. Il Team Nuova Florida ha vinto, la Semprevisa si è inchinata e la Cavese ora non potrà più raggiungere i biancorossi. Il vice allenatore Fabio Celli si lascia andare sul proprio profilo Facebook a ringraziamenti e considerazioni speciali.

Sono passate alcune ore dalla conquista del Campionato di Promozione e da aver ottenuto il diritto di partecipare al prossimo Campionato di Eccellenza e piano piano, minuto per minuto, si riesce a comprendere la sensazionale impresa sportiva che abbiamo compiuto. Rivivo dall’inizio questi meravigliosi tre anni, dalla conoscenza dell’ambiente, alla prima preparazione estiva, agli allenamenti settimanali, agli incontri domenicali. Dal primo campionato con il raggiungimento della salvezza diretta, al secondo campionato avendo sfiorato i Play Off, alla eccezionale cavalcata di questo anno, sotto molti aspetti, meraviglioso. Per prima cosa vorrei complimentami con i nostri grandi rivali della Cavese, che non hanno mai mollato e ci hanno rincorso per tutte le ultime 11 partite, squadra piena di giocatori di categorie superiori che ci hanno veramente reso difficilissima questa vittoria. Alla Cavese di Mister Antonini va il mio sincero in bocca al lupo per la vittoria dei Play Off. I Complimenti li estendo inoltre al Sermoneta di Mister Gesmundo, la squadra che mi ha più impressionato per compattezza e qualità di gioco, a cui auguro di vincere la Coppa Italia. I miei complimenti vanno inoltre a tutte le squadre che abbiamo affrontato e che hanno dimostrato la loro forza rendendoci ogni vittoria sudata e conquistata con merito. Dalla Fonte Meravigliosa alla Pro Roma, dalla Semprevisa, degna avversaria dell’ultimo incontro, allo Sporting Genzano. Un augurio di “vinca il migliore” alle squadre che si contenderanno i Play Out e di pronto ritorno in Promozione a chi è già retrocesso.

Il mio più sentito ringraziamento va ai miei più diretti compagni di avventura, ad Andrea per avermi scelto come suo secondo da ormai cinque anni, tecnico preparatissimo con una dote non comune. Saper leggere le partite e cambiarne l’impostazione ed indovinando al meglio le sostituzioni. Strana la vita, conosci nel tuo percorso sportivo una persona che potrebbe essere tuo figlio per l’età, che condivide la tua stessa filosofia di gioco, la stessa impostazione mentale, lo stesso metodo di allenamento e la propensione al confronto settimanale e domenicale. A Giulio il “Professore” che con la sua competenza di Preparatore Atletico, ci ha consegnato i giocatori in grande forma fino all’ultima partita. A ”Cucca” che ha iniziato con i Portieri e poi ha dovuto abbandonare per problemi lavorativi. A “Ciurla” che ha preparato in modo impeccabile con un formidabile lavoro i due “portierini”, rendendoli tra i migliori Portieri Under in circolazione.

I ringraziamenti vanno soprattutto alla Società Team Nuova Florida 2005 nata tra amici in un Bar di quartiere e diventata punto di riferimento dello sport calcistico del Litorale. Al Presidente Franco per la crescita della struttura, dell’organizzazione dal settore giovanile alla Prima Squadra e per essere di una precisione “Svizzera” nel mantenimento degli impegni presi. Al Direttore Generale Danilo, vera anima di questa società. Factotum instancabile a tutto campo e presente in ogni occasione in cui necessitava la sua presenza. A tutti i dirigenti senza esclusione alcuna, Salvatore, Maurizio, Carlo, Stefano, Paolo, Luca ecc., che non ci hanno fatto mai mancare la loro vicinanza ed il loro affetto.

Un ringraziamento particolare va a Paolo e Luca Capanna. Paolo per everci scelto come successori del Mister Storico Ciciani, e Luca che come Team Manager a sofferto con noi e più di noi in ogni angolo sperduto di ogni campo di calcio su cui abbiamo giocato. Ho sempre aspettato il suo sorriso alla fine di ogni partita e sono orgoglioso di aver contribuito in piccola maniera alla concretizzazione del loro sogno. Grazie papa e figlio Capanna.

Un Pensiero speciale và a Mister Ciciani. Quando ieri ci siamo abbracciati per la vittoria, l’ho visto piangere di felicità come un bambino. Alla nostra età questi sono segni di affetto, passione, sentimento partecipazione, sofferenza e gioia per aver ottenuto un risultato sensazionale contro tutto e contro tutti. Mister Stefano questo è un successo anche tuo.

Adesso un ringraziamento con il cuore a tutti i ragazzi, da chi ha giocato di meno a chi ha avuto la fortuna di essere più determinante. Mi avete fatto rivivere la mia gioventù, quando anche io vincevo i campionati da giocatore sul campo con la spensieratezza che hanno i giovani. Mi avete fatto vivere le emozioni che questa stupenda passione per questo sport rendono una incredibile sofferenza fino all’ultimo secondo ed una indescrivibile gioia quando si raggiungono le vittorie. Grazie per avermi sopportato per così tanto tempo. Per aver ascoltato la mia anima critica. Per aver avuto la pazienza e la perseveranza per ottenere questo risultato storico. Siete stati ECCEZIONALI. Un gruppo fantastico, unito, voglioso, tutti per uno ed uno per tutti. La dimostrazione di come vi siete comportati nell’ultima partita, dove tutti avreste meritato di giocare, ve ne dà merito.

Mi è stato chiesto più volte quando ho capito che ce la potevamo fare. Forse la partita della consapevolezza è stata quella a Sermoneta dove una parata di Matteo ed un rigore di Daniele ci hanno consentito di avere quel punto in più che abbiamo mantenuto fino alla fine. Ma secondo me la motivazione principale che ci ha consentito di ottenere questo incredibile risultato, è stata quella piccola/grande rabbia che ognuno di noi si è portato dentro dall’anno scorso quando ci è stato negato di partecipare ai Play Off che avevamo meritato, per la famosa questione del petardo. Secondo me, questa è la principale motivazione aggiuntiva che ci ha consentito di non mollare di un centimetro.

Non so se saremo ancora noi a guidarvi nel prossimo anno, ma una cosa è certa, noi o altri, ormai è nel DNA di questa squadra giocare per obiettivi prestigiosi, con la convinzione dei propri mezzi e la capacità di giocarsi la vittoria con tutti. Sono orgoglioso di aver contribuito in piccola parte a tutto questo.

Vorrei scrivere ancora molto, ma mi fermo qui, non vorrei essere troppo palloso. Lo sono stato sul campo per tutti questi mesi e credo sia opportuno non esserlo ancora, ma un ringraziamento con il cuore e quindi più sentito di tutti è quello verso il nostro unico CAPITANO, Daniele Ciciani. Non so come è stato possibile ma a lui mi lega un qualcosa di speciale, come un sentimento che non riesco a descrivere. Credo sia stata una cosa istintiva, di pelle, da quando ci siamo conosciuti, come quelle che succedono di rado nella vita di ognuno di noi. Non sono servite molte parole è un qualcosa di speciale, culminata ieri in un abbraccio che sembrava non finire mai. Grazie Cecio, grazie a te e Luca che ci avete aperto le porte della vostra casa facendoci sentire parte della vostra famiglia. Dopo questi tre anni e dopo ieri un pezzettino del mio cuore è stato, è e sarà sempre biancorosso.

 

Lascia un commento